Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

 

Oggi ricorre il 31° anniversario dell’eccidio del Carabiniere ausiliario DI BONAVENTURA Stefano, ucciso, appena ventenne, il 13 ottobre 1986 e decorato con Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria, attribuitagli il 5 giugno 1987, dal Presidente della Repubblica, in occasione del 173° anniversario della fondazione dell’Arma.

Pubblicità

“Erano le 17.20 del 13 ottobre 1986, quando, due individui armati di pistola, entrarono nell’agenzia di viaggi “Sicantur”, in via Emerico Amari con lo scopo di commettere una rapina. Il Carabiniere DI BONAVENTURA, che si trovava nell’agenzia libero dal servizio e in abiti civili, per acquistare un biglietto aereo per andare a Roma dalla famiglia, ingaggiò una colluttazione con i malviventi. Era riuscito ad avere la meglio quando uno dei rapinatori gli sparò alle spalle ferendolo in maniera grave. Nonostante fosse quasi esanime, fece appello alle sue ultime forze, tentando di raggiungere i rapinatori che si erano dati alla fuga, accasciandosi poi al suolo e morendo mentre veniva trasportato in ospedale.” 

Stamane in suo ricordo, sotto la lapide, nel luogo dell’estremo sacrificio, è stata deposta una corona d’alloro dal Comandante Interregionale “Culqualber” Generale di Corpo d’Armata Luigi Robusto, dal Prefetto di Palermo dottoressa Antonella De Miro e dal Comandante del 12° Battaglione Carabinieri Sicilia Tenente Colonnello Emanuele De Ciuceis.

Alla cerimonia erano presenti anche il Comandante della Legione Carabinieri Sicilia Generale di Brigata Riccardo Galletta, il Comandante Provinciale Carabinieri di Palermo Colonnello Antonio Di Stasio, il Questore dottor Renato Cortese e il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Giancarlo Trotta.

Successivamente, nella Chiesa S. Maria Maddalena, all’interno del 12° Battaglione Carabinieri Sicilia, è stata celebrata la Santa Messa officiata dal Cappellano Militare cui sono seguite le commoventi parole con cui il Generale di Corpo d’Armata Luigi Robusto ha voluto esaltare il sacrificio del giovane Carabiniere Di Bonaventura.

Pubblicità Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.