Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Nella giornata del 26 ottobre, la Commissione ha presentato al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione sui progressi compiuti in materia di medicinali ad uso pediatrico a partire dall’entrata in vigore del relativo regolamento 10 anni fa. Sulla base della relazione risulta che il regolamento consenta una buona redditività degli investimenti; ha inoltre permesso il conseguimento dei progressi finora raggiunti nello sviluppo di medicinali ad uso pediatrico, impossibili in assenza una specifica legislazione Ue. Si riconosce tuttavia la necessità di ulteriori sforzi per combinare gli effetti del regolamento sui medicinali ad uso pediatrico con quelli del regolamento sui medicinali orfani al fine di ovviare alle carenze nel trattamento delle malattie rare dell’infanzia.

Il Commissario europeo per la Salute e la sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, si è detto particolarmente preoccupato del fatto che i progressi compiuti in oncologia nella cura di pazienti adulti non sia stati eguagliati da quelli nel trattamento dei tumori che compiscono i bambini. Nei prossimi dieci anni è quindi necessario puntare a scoperte altrettanto rivoluzionarie per questi ultimi, combinando gli incentivi nel quadro del regolamento sui medicinali ad uso pediatrico e del regolamento sui medicinali orfani e assicurando che le reti europee di riferimento, in particolare sul cancro pediatrico, sfruttino appieno il loro potenziale.