VENEZIA 29/06/15 - Presentazione della nuova giusta comunale. Giorgio D'Este. ©Andrea Pattaro/Vision - Presentazione della nuova giusta comunale. - fotografo: ©ANDREA PATTARO/VISION
Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Sono solo sterili polemiche quelle che hanno preso di mira il Centro Previsioni e segnalazioni maree per colpire l’attività dell’Amministrazione comunale.

Il Centro maree ha, fin dalla sua creazione prima come Istituzione, e ora come Centro di protezione civile, informato puntualmente la cittadinanza in merito agli eventi mareali. L’attività è stata svolta anche per monitorare gli eventi dello scorso 5 novembre, attraverso la consueta procedura che prevede una capillare informazione ai cittadini utilizzando anche gli sms che sono stati inviati: il primo alle 11.56 con previsione 110cm, e dove si invitava l’utenza a seguire gli eventi a causa di una situazione meteo dinamica e quindi passibile di cambiamenti, il secondo alle ore 21 con previsione 115 cm e il terzo aggiornamento alle ore 22.45 con previsione 125 cm.

Lo scostamento tra la previsione del mattino e il massimo livello raggiunto dalla marea è da imputare al perdurare, del tutto anomalo, dei venti di scirocco con valori di velocità doppi rispetto a quanto presentato dai modelli meteo di riferimento e difficilmente prevedibili.

Il Centro Maree, monitorando costantemente la situazione, ha proceduto ad avvertire gli oltre 75.000 iscritti al servizio “allerta maree”, aggiornandoli man mano della situazione in evoluzione. Nessun caos, pertanto, né mancata informazione.

Risulta quindi pretestuoso servirsi di un evento meteorologicamente complesso per criticare e denigrare l’operato del Centro maree e dei suoi tanti operatori che, da anni, quotidianamente, con passione e senso del dovere svolgono il loro attento lavoro per la salvaguardia di Venezia e dei suoi cittadini. Un servizio che è unico nel suo genere ed è una delle specialità riconosciute della nostra città. A cui si accompagna anche l’attività di posa delle passerelle per complessivi 4 km, che ha visti impegnati quasi 40 operatori, che sono dovuti intervenire prontamente, sotto le intemperie, anche per ripristinare dei tratti danneggiati dai soliti vandali.

Voglio ricordare che proprio questa Amministrazione è tornata a incrementare i fondi destinati alle attività di sviluppo del Centro maree. Come si può facilmente riscontrare analizzando i bilanci comunali, proprio le passate amministrazioni, che tanto dicevano di avere a cuore l’Istituzione, hanno dal 2010 al 2015, più che dimezzato gli stanziamenti riducendoli a 398mila. Questa Amministrazione, pur facendo quotidianamente i conti con un ingente debito ereditato dal passato, è riuscita a incrementare i fondi, portandoli per il 2017 a 490mila euro.

Non solo: la Giunta ha dato mandato alla sottoscrizione di due importanti accordi di collaborazione tecnico-scientifica con l’Istituto di Scienze Marine del CNR e l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera affinché il Centro maree possa servirsi delle loro competenze scientifiche per migliorare il servizio. Due protocolli, a costo zero, utili anche per migliorare le capacità previsionali del Centro in situazioni ad alto coefficiente di variabilità, come quella dello scorso 5 novembre.

Voglio ringraziare, a nome di tutta l’Amministrazione, gli operatori del Centro Maree, che svolgono il loro compito 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, con un’accuratezza media delle previsioni del 96%, superiore a quella meteo che si ferma al 90%.

Come Città di Venezia investiamo complessivamente oltre 1 milione di euro per il Centro Maree e stiamo mettendo in campo nuovi mezzi per fornire un sempre più puntuale servizio informativo alla cittadinanza, attraverso un sistema di comunicazione più capillare e tecnologicamente avanzato.

Colgo l’occasione per invitare, pertanto, chi non l’avesse ancora fatto, ad iscriversi al servizio “Allertamento maree” attraverso il link https://portale.comune.venezia.it/maree/iscrizione che appare nella homepage del sito Internet”.