Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In merito alla notizia della caduta di un albero ad alto fusto nel parco di Savorgnan di Cannaregio a Venezia l’Amministrazione comunale rende noto che si è immediatamente attivata per gestire la situazione.

“Appena abbiamo appreso la notizia della caduta della pianta – ha commentato la Vicesindaco Luciana Colle – ci siamo sincerati che non ci fossero stati feriti. Danni invece sono stati causati a uno stabile composto da 5 appartamenti, due dei quali sono stati dichiarati inagibili. Pertanto si è subito posto il problema della sistemazione dei nuclei familiari occupanti lo stabile. Preso atto che gli stessi hanno trovato ospitalità da parenti e conoscenti, l’Amministrazione ha comunque garantito loro la possibilità di una  sistemazione alternativa, qualora si rendesse necessaria. L’augurio è che nei tempi più brevi possibili l’assicurazione verifichi l’accaduto e quantifichi i danni, per procedere poi al ripristino degli immobili. Internamente, abbiamo avviato le procedure che ci permetteranno di capire cosa esattamente sia successo”.

“Si tratta di una vecchissima quercia di oltre 150 anni e con una circonferenza di fusto pari a circa 2 metri – spiega Mario Scattolin, dirigente comunale del Prontointervento Manutenzione del Patrimonio e del Verde Pubblico. In seguito alle segnalazioni dei cittadini, lo scorso agosto abbiamo provveduto a eseguire costanti e periodici controlli, attraverso la società di Gestione del Verde, sia dal punto di vista strutturale che esercitando prove di trazione. Tutti i test sono risultati negativi e non hanno evidenziato alcun segnale che potesse far presagire un tale epilogo. Dopo il nostro sopralluogo di questa mattina è emerso che il cedimento ha riguardato l’apparato radicale, che dopo i forti venti di bora e le abbondanti piogge che si sono abbattute sulla città in questi giorni hanno indebolito la pianta. Un evento, purtroppo, imprevedibile. Ora aspettiamo che entro venerdì mattina, i tecnici del Settore assieme agli esperti incaricati dalla compagnia assicurativa, finiscano i propri rilievi, così da permetterci di rimuovere il fusto dell’albero caduto a terra e rendere nuovamente fruibile al pubblico l’area del Parco”.