Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si dice che la SCUOLA non finisca MAI. Ma il vero senso della frase appare tragicamente chiaro solo quando si è costretti a tornarci, a SCUOLA, in qualità di GENITORI. E, l’istante dopo essersi avvicinati al fatidico portone, ci si sente irrimediabilmente e inesorabilmente PERDUTI. Come la prima volta.

Ma, niente paura! Per aiutare a districarsi nel labirinto infernale che è la Scuola vissuta in qualità di Genitori-di-Allievi, una coraggiosa eroina, GINEVRA VAN DEFLOR, indomita mamma sprezzante del pericolo, ha deciso di rompere il silenzio che da sempre copre il complicato e misterioso mondo della Scuola, e ha scritto “BACK TO SCHOOLL’insostenibile pesantezza di essere Genitori-di-Allievi”, ddisponibile in versione cartacea su Amazon e, in  formato ebook, nelle migliori librerie on line.

Pubblicato il giorno stesso in cui nella maggior parte d’Italia si tornava a scuola, BACK TO SCHOOL descrive con ironia e  – soprattutto – molta autoironia una scoppiettante serie di situazioni-tipo vissute in termini più o meno simili da tutti i Genitori che hanno figli in età scolare, in particolare alla Primaria, pubblica e/o privata: dalla modulistica fai-una-giravolta-falla-un’altra-volta per l’iscrizione, alle stele di Rosetta per decifrare i compiti da fare, alle liti di condominio nelle Riunioni Genitori, ai celeberrimi ed ormai famigerati gruppi di WhatsApp, alle sempre più faraoniche e frequenti feste di compleanno, alle etichettature forsennate del materiale scolastico, alle invasioni cicliche di pidocchi, e via discorrendo, di peripezia in peripezia.

Un modo simpatico per riderci sopra, calmare gli animi e consolarsi leggendo le avventure tragicomiche che accomunano tutti coloro che hanno un bimbo dai 6 anni in su. O, se i vostri figli sono più piccoli di così, per avere una sorta di breviario di ciò che sarà il vostro futuro prossimo venturo, da studiare con attenzione per arrivare al fatidico Primo Giorno di Scuola un minimo preparati. E se invece proprio non ne avete, di figli, potete sempre leggerlo per scherzare i vostri amici che li hanno e compiacervi di non essere anche voi caduti nella becera trappola, furbastri che non siete altro.

L’autrice, dopo aver coraggiosamente svelato scomode verità dell’Universo Scuola, è stata costretta per garantire la sua incolumità a entrare nel Programma Protezione Testimoni e a cambiare la sua identità. Anche per questo motivo ha scelto lo pseudonimo di GINEVRA VAN DEFLOR per firmarsi.