Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    12
    Shares

 

La Polizia di Stato ha tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Emanuele Mardegna, 21enne palermitano del quartiere “Sperone”.

Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, nella tarda mattinata di ieri, nel corso dei consueti servizi di controllo del territorio, hanno notato in piazza Ignazio Calona, due giovani, di cui uno con lo zaino in spalla, a confabulare tra di loro con fare guardingo.

I poliziotti, insospettiti, si sono posizionati poco distante ad osservare il comportamento dei due ragazzi; improvvisamente uno di loro si è allontanato frettolosamente e, dopo essersi chinato verso la ruota di un’auto in sosta, ha tirato fuori dal parafango un pacchetto di sigarette ed è tornato dal giovane, porgendogli un piccolo involucro preso da quel pacchetto di sigarette.

Gli agenti a quel punto hanno deciso di intervenire, quando un terzo ragazzo, appostato poco distante con funzione di “palo”, ha urlato a gran voce “ci sono gli sbirri”, invitando il complice a scappare; poi si dileguava.

Lo spacciatore, in quel concitato frangente, ha lanciato il pacchetto di sigarette sotto l’automobile e si è dato ad una precipitosa fuga, ma dopo un breve inseguimento è stato bloccato dagli agenti e tratto in arresto.

All’interno del pacchetto di sigarette, recuperato dai poliziotti, vi erano 10 dosi di hashish in bustine di cellophane; sotto l’autovettura in sosta dalla quale il giovane aveva prelevato il pacchetto di sigarette, vi era occultato, invece, un altro involucro contenete 15 dosi di cocaina.

Nel corso di una successiva perquisizione nell’abitazione del giovane pusher, occultate all’interno della dispensa della cucina, i poliziotti hanno rinvenuto ulteriori 15 stecche di hashish.