Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cus Palermo, lettera della Slc Cgil alle istituzioni politiche e all’Università per un progetto di consolidamento della struttura che attraverso un periodo di incertezza.

Un incontro per “mettere in sicurezza” e potenziare le attività del Cus Palermo, la prestigiosa struttura sportiva dell’Università e punto fondamentale per l’occupazione del settore dello sport a Palermo, che sta attraversando un periodo di difficoltà.

L’Slc Cgil, che da qualche anno segue e rappresenta i lavoratori del Cus Palermo, ha inviato una lettera al rettore, al sindaco, al presidente della Regione, all’assessore regionale all’Attività produttiva e all’assessore comunale alla Scuola e al Lavoro di Palermo per affrontare i temi legati alla gestione e ai costi del centro e per discutere di un progetto per uno sviluppo produttivo della struttura.

“Dopo alcuni incontri con i lavoratori, abbiamo appreso che sul Cus peserebbero elementi di incertezza per il futuro che metterebbero a rischio lo sviluppo del centro e l’occupazione – dichiara il segretario generale della Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso – Ricordiamo che Palermo nel 2018 sarà la capitale italiana della Cultura e lo sport rientra a tutto titolo nell’alveo delle attività culturali della città. Il centro, come tutti sanno, con la sua piscina, le palestre e i campi, è un luogo prestigioso, di aggregazione, di solidarietà, di attività sportive e culturali. Creare percorsi di sviluppo attraverso un consolidamento economico e progettuale ci sembra un atto dovuto per una struttura nodale che può sempre più ambiare a un ruolo di crescita morale, civile e culturale soprattutto per i giovani”.

L’Slc Palermo ritiene importante il ruolo attivo delle istituzioni politiche e dell’Università negli investimenti economici, organizzativi e formativi, anche per estendere le attività a eventi legati al mondo della moda e dello spettacolo, alla organizzazione di mostre e rassegne per la diffusione dello sport, a forme di collaborazioni con teatri e associazioni culturali. “La partecipazione delle istituzioni deve essere elemento indispensabile per dare certezze a un centro così importante per una metropoli complessa come Palermo – aggiunge Rosso – Il Cus Palermo occupa tra dipendenti e collaboratori un centinaio di persone. E questo è un altro tema che preoccupa concretamente il sindacato: il consolidamento dell’occupazione non può essere una nota aggiuntiva di un progetto civile di crescita e sviluppo”.

Pubblicità Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.