Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    16
    Shares

Approvata la mozione del Movimento 5 Stelle, primo firmatario il vicepresidente dell’Ars Giancarlo Cancelleri, che spinge il governo Musumeci a ottenere il regime di continuità territoriale per la Sicilia: agevolazioni per gli spostamenti aerei, marittimi e ferroviari. “Non ci sono più scuse – sostiene Cancelleri – il governo regionale deve a questo punto battere i pugni sui tavoli romani per accelerare e far rispettare le istanze dei siciliani. La Sicilia dovrà vedersi riconosciuta la condizione di insularità, azione che apre la strada all’abbattimento dei costi delle tratte marittime, ferroviarie e aeree che consentirebbe anche misure di fiscalità compensativa attraverso l’istituzione di zone franche. Un elemento cruciale – conclude – per la programmazione comunitaria 2020-2027, quando la Siclia non sarà più nel novero delle Regioni ad Obiettivo 1”.

Approvata all’Ars anche la mozione fortemente voluta dalla deputata Gianina Ciancio, anch’essa del Movimento 5 Stelle, che impegna il governo a sostenere i rimborsi spese dei professionisti che svolgono tirocini formativi attraverso i fondi comunitari. Si tratta di un vero e proprio contributo fino a 500 euro per i laureati siciliani che svolgono un periodo di tirocinio obbligatorio o di praticantato in uno studio professionale. “Si tratta di una misura di buon senso – dice la Ciancio – già adottata in altre regioni. La normativa nazionale lo prevede”.

Via libera anche alla mozione di Antonio De Luca, deputato grillino, che impegna il governo regionale a rendere obbligatoria la prenotazione on-line per visite ed esami medici, attraverso i Cup (Centri unici di prenotazione) della Sicilia. “I cittadini – spiega il deputato – potranno prenotare esami e visite mediche attraverso il loro computer. E’ più comodo e si abbattono i i costi e le barriere architettoniche in quanto i non udenti potranno prenotarsi autonomamente”.

Ultima mozione, non di certo per importanza, quella di Giampiero Trizzino, il deputato dei 5 Stelle che si è a lungo battuto per ritrovare gli stanziamenti del fondo a sostegno delle imprese danneggiate dalla presenza di cantieri per la realizzazione di opere e infrastrutture pubbliche.

Ciao, ti invito o a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.