Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    11
    Shares

“Aggiornamento Albo degli operatori della formazione professionale, pubblicazione bando per circa 110 milioni di euro, modifica del sistema di accreditamento degli enti formativi, fuoriuscita incentivata, riqualificazione e riconversione del personale e aggiornamento della legge regionale n.24 del 1976 sono i contenuti sui quali il governo regionale intende impegnarsi per rilanciare il settore in Sicilia e restituire dignità ai lavoratori ed erogare la formazione nell’Isola, ferma da troppi anni”.

A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl in Sicilia a margine dell’incontro di ieri pomeriggio in assessorato dell’Istruzione tra l’assessore Roberto Lagalla e le Organizzazioni Sindacali. Presente per Ugl, oltre al Segretario regionale, il componente della Segreteria confederale siciliana Eugenio Bartoccelli.

“Il nuovo approccio politico-istituzionale del Governo Musumeci e la sensibilità dell’assessore Lagalla –  aggiunge il sindacalista –  vanno nella direzione giusta per riorganizzare il settore e far tornare tra i banchi allievi e operatori della formazione professionale, attraverso la pubblicazione del bando entro la fine del mese di febbraio”.

Pubblicità

“Per girare pagina definitivamente, in discontinuità col precedente esecutivo, – conclude Messina – chiediamo come Ugl che il governo regionale si faccia carico di attivarsi presso il governo nazionale per la dichiarazione dello stato di crisi del settore della formazione professionale ed attivare, in tal modo, tutti gli strumenti normativi previsti per gli istituti di sostegno al reddito e per la fuoriuscita agevolata e incentivata.

 

Pubblicità

Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.