Voto di scambio. M5S: “Se confermate ipotesi procura di Catania, elezioni falsate”

0
421
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 32
  •  
  •  
  •  
    32
    Shares

 

“Quanto emerge dall’inchiesta della Procura di Catania è preoccupante e chiaramente occorre aspettarne gli sviluppi, ma se le ipotesi dell’accusa, dovessero essere confermate e supportate da sentenze passate in giudicato, avremmo la prova materiale che elezioni regionali di novembre sono state falsate”.

A dichiararlo sono i deputati del Movimento 5 Stelle all’Ars a proposito di presunti episodi di voto di scambio emersi dall’inchiesta della Procura di Catania per corruzione elettorale sulle elezioni regionali del 2017.

“Quando sostenevamo – dicono i deputati – che per le regionali in Sicilia ci fosse il serio rischio di pratiche clientelari di scambio elettorale, e non a caso parlavamo di impresentabili nelle liste e rischio di inquinamento del voto, siamo stati ignorati dal governo Gentiloni che ha bocciato la richiesta di intervento degli osservatori dell’Osce. Nel frattempo, gli uomini di partito ci prendevano in giro, dicendo che era impossibile chiederne l’intervento dato che si trattava di ‘consultazioni locali’. Eppure a supporto della nostra tesi, c’erano anche dei precedenti”.

“Qualche mese dopo – rivelano i deputati M5S – a smentire chi allora strumentalmente ci attaccava, sono stati gli stessi osservatori dell’Osce: ci hanno contattato prima delle elezioni politiche 2018 e due settimane prima del voto del 4 marzo abbiamo avuto con loro una fitta interlocuzione”.

 

C.S.Palermo 29 marzo 2018