Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Trizzino, proporremo emendamento in finanziaria, 2017 annus horribilis per roghi, migliaia ettari andati in fumo

PALERMO 3 APRILE 2018  –  Il rinnovo della convenzione tra la Regione siciliana e il corpo dei Vigili del Fuoco sarà al centro dell’audizione in commissione Ambiente dell’Ars, a palazzo dei Normanni, a Palermo. Lo rendono noto i deputati regionali del M5s all’Ars Giampiero Trizzino, Stefania Campo, Nuccio Di Paola e Valentina Palmeri. L’incontro è in programma alle 12; prevista la presenza del presidente della Regione Nello Musumeci, del dirigente generale del Dipartimento regionale della Protezione civile Calogero Foti, del dirigente generale del comando Corpo Forestale Filippo Principato, del direttore regionale dei Vigili del fuoco Marco Craviani e del segretario regionale del sindacato autonomo vigili del fuoco Giuseppe Musarra.

       “Ricorderemo il 2017 come annus horribilis con migliaia di ettari di vegetazione boschiva e macchia mediterranea andati in fumo, aziende agricole distrutte e un patrimonio ambientale devastato dai roghi – dice Trizzino – . E non è un caso che nei giorni scorsi abbiamo chiesto di dedicare una seduta della commissione Ambiente al rinnovo della convenzione per consentire alla Regione siciliana di arrivare preparata alla stagione estiva e di poter fronteggiare al meglio con l’ausilio di uomini e mezzi, eventuali incendi che dovessero divampare nell’Isola”. “Chiediamo – aggiunge – all’attuale esecutivo di non ripetere gli errori del Governo Crocetta e procedere alla sigla della convenzione a stretto giro. Affrontare in commissione questo argomento, prima dell’avvio dell’iter per l’approvazione di bilancio e finanziaria, ci consente di aver un quadro preciso delle risorse economiche da impegnare”. “Presenteremo un emendamento alla finanziaria che stanzi le somme necessarie – conclude – a garantire una copertura economica alla stipula della convenzione, anche perché saranno di sicuro inferiori al danno ambientale, economico e d’immagine che la Sicilia potrebbe subire da un’ennesima emergenza incendi”.
Pubblicità

Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.