Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8
    Shares

“Proseguono i lavori per realizzare il Passante di Palermo, il cui completamento delle opere civili ha ormai raggiunto il 90%”. E’ quanto si legge in una nota di Rfi, che sottolinea come il Contraente generale SIS abbia confermato a Rete Ferroviaria Italiana “il cronoprogramma degli interventi, che prevede, entro il mese di giugno, il completamento delle opere necessarie per la riapertura della linea fra Palermo e Punta Raisi”. “Questo – prosegue la nota – consentirà a Rfi di avviare le procedure tecniche per l’attivazione del collegamento con l’aeroporto ‘Falcone e Borsellino’ e di ripristinare il servizio ferroviario entro l’estate”. “Il cronoprogramma – puntualizza la nota Rfi – prevede inoltre che nella seconda metà del 2018 saranno portate a compimento tutte le restanti opere civili, ad eccezione dell’attrezzaggio tecnologico dell’infrastruttura, che sarà realizzato direttamente da Rfi, e della fermata Lazio, completata in una fase immediatamente successiva. Proseguono, inoltre, le attività per definire il progetto di sistemazione di Vicolo Bernava”. Rete Ferroviaria Italiana conferma, infine, che “saranno portate a termine tutte le opere necessarie per il raddoppio completo della linea”, conclude la nota.

Intanto però c’è chi punta l’indice: “Hanno bloccato la città per anni, a discapito di residenti e lavoratori, e ora si scopre che il passante ferroviario resterà per giunta ‘incompleta’. Questo è l’ennesimo atto di superficialità della vecchia politica, sempre a discapito dei cittadini”. E’ quanto si legge in una nota del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle di Palermo. “L’infrastruttura al momento sembra destinata a rimanere con un solo binario dalla stazione d’Orleans a quella Notarbartolo, fino alla fermata San Lorenzo, ma senza completare le stazioni intermedie – affermano Ugo Forello, Giulia Argiroffi, Concetta Amella, Viviana Lo Monaco, Antonino Randazzo -. C’è un altro aspetto preoccupante che, a parte i disagi portati alla città, possiamo riscontrare: nel tratto che rimarrà incompiuto, figura anche quello del vicolo Bernava, dove gli espropri sono già stati effettuati e una ventina di famiglie ha dovuto abbandonare le proprie case, fatto che ha costretto queste persone a vivere accampate da anni. Si tratterebbe di una doppia beffa per loro che hanno perso la casa e, a questo punto, per giunta senza alcuna ragione. Il M5S esprime vicinanza anche agli operai del cantiere che rischiano lo stipendio, purtroppo la Palermo di Orlando si conferma città record delle opere incompiute e della mancanza di visione e progettualità”.

E anche i sindacati fanno eco: “Il passante ferroviario resterà un’opera incompiuta”. Lo dicono Ignazio Baudo, segretario provinciale Feneal Uil Palermo, Paolo D’Anca segretario generale aggiunto Filca Cisl Sicilia e Francesco Piastra segretario generale Fillea Cgil Palermo, che oggi hanno incontrato i lavoratori nel corso di un’assemblea straordinaria. “Attraverso gli organi di stampa abbiamo appreso che sarà completata una sola linea – aggiungono Baudo, D’Anca e Piastra – quindi oggi la certezza èche il passante ferroviario rimarrà un’incompiuta, l’ennesima in una realtà che a livello nazionale detiene il triste primato per le opere non completate. E in questo quadro già preoccupante resta irrisolto il tema dei livelli occupazionali, come noi denunciamo da giorni. Lunedì prossimo a partire dalle 9 saremo in corteo insieme agli operai del cantiere, per protestare contro queste decisioni lesive della dignità dei lavoratori e dannose per la mobilità cittadina. Il corteo si concluderà davanti al palazzo delle Ferrovie a Palermo”. Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil chiedono che il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, “convochi subito un tavolo tecnico con le sigle sindacali per illustrare le ragioni tecniche sui lavori del passante ferroviario“. “Il presidente Musumeci – affermano Baudo, D’Anca e Piastra – faccia il punto sul passante ferroviario e su tutte le altre opere pubbliche che oggi sono ferme al palo”.

Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.