“BeerBubbles”: musica, degustazioni e tanta birra in via Maqueda

0
270
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 13
  •  
  •  
  •  
    13
    Shares

Palermo a tutta birra. Dal 7 al 9 giugno, arriva “BeerBubbles”, il festival internazionale della birra artigianale, nel tratto di via Maqueda compreso tra i Quattro Canti e via Torino, che sarà chiuso al traffico dalle 12 a mezzanotte.

Un appuntamento da non perdere per gli appassionati del luppolo. Venti birrifici, tra cui due esteri (uno proveniente dagli Stati Uniti ed un altro dalla Scozia), 100 tipi di birra da gustare, 10 stand gastronomici e circa 120 ettolitri che – si stima- saranno spillati nel corso della terza edizione del festival della birra artigianale organizzato da Bauhaus Ev, in collaborazione con Extra Hop e con il Comune di Palermo.

“Il festival quest’anno si svolge in un’area diversa – dice Alessia Billitteri, responsabile dell’organizzazione – scelta appositamente per valorizzare la zona dell’Alberghiera e del mercato di Ballarò, il cosiddetto Cassaro antico. Nei giorni del festival, inoltre, sarà chiuso alle auto pure corso Vittorio Emanuele, da via Roma a via Maqueda”. E, nel fine settimana, come avviene da tempo, sarà pure chiusa la parte bassa di corso Vittorio per una Palermo da vivere a piedi.

Il festival della birra artigianale è a ingresso gratuito. Ogni assaggio alla spina avrà costi differenti: due euro per 20 cl e quattro euro per 40 cl. Inoltre, con la prima degustazione si potrà acquistare, con due euro in più, un bicchiere in policarbonato serigrafato con il logo dell’evento, che sarà risciacquato dopo ogni consumazione e dunque riutilizzabile a tutela dell’ambiente. E non mancano le curiosità: dalla birra fatta con frumento siciliano e scorze d’arancia a quella alla liquirizia; da quella alle arance e fave di cacao a quella dal sapore esotico del mango.

Il festival sarà animato per ben 36 ore da esibizioni di artisti di strada e dall’apertura dei siti culturali presenti lungo il percorso, come la chiesa di San Giuseppe dei Teatini, l’Archivio Storico e il Miqweh (Bagno Ebraico). “Le performance verranno realizzate in acustico – dice ancora Alessia Billitteri – per venire incontro alle esigenze dei residenti che vivono in quell’area della città”. Saranno, inoltre,  organizzate conferenze e laboratori per proporre a palermitani e turisti alcuni momenti di confronto, approfondimento e dibattito, che coinvolgeranno tecnici ed esperti del settore e rappresentanti delle associazioni di categoria.