Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 72
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    72
    Shares

Energia elettrica a rischio rincari: dovremo dire addio alle tariffe protette per entrare nel mercato libero. Due milioni di utenti del servizio elettrico in Sicilia e oltre 23 milioni in tutta Italia tra un anno dovranno lasciare il porto sicuro delle tariffe protette per inoltrarsi nel mare aperto della libera contrattazione. Niente di cui rallegrarsi, a leggere le cifre, perché dal 2010 in poi il prezzo medio dell’energia elettrica per cliente domestico nel mercato libero è sempre stato più alto di quello praticato dalle compagnie nel regime denominato a “maggior tutela”, e l’ultima rilevazione disponibile, quella del 2015, mostra una differenza in bolletta superiore al 55 per cento.

Ad accendere i riflettori sulla scadenza legale dell’1 luglio 2019, che segnerà l’abolizione del regime tariffario di maggior tutela, è stato il seminario su “Mercato elettrico e smart grids: nuove sfide e nuovi ruoli per i consumatori” tenutosi presso il dipartimento di energia, ingegneria dell’informazione e modelli matematici dell’Università di Palermo (Deim), un incontro organizzato dall’ordine degli ingegneri della provincia di Palermo in occasione della International conference on environment and electrical engineering (EEEIC) che si svolgerà fino a venerdì nell’edificio 19 del campus di viale delle Scienze. Il prestigioso evento ha scelto il capoluogo siciliano come sede per la sua diciottesima edizione e vede il presidente dell’ordine Vincenzo Di Dio nel ruolo di responsabile delle relazioni industriali e il consigliere dell’ordine Salvatore Favuzza nel ruolo di responsabile organizzativo locale. Attesi oltre 400 rappresentanti dei settori della ricerca e dell’industria da tutto il mondo.

“Abbiamo voluto dedicare il prologo alla conferenza internazionale sull’ambiente e l’ingegneria elettrica – dice il presidente dell’ordine degli ingegneri Vincenzo Di Dio – a un’evoluzione del mercato elettrico che è già in atto e che presto avrà un grande impatto sulla vita dei cittadini siciliani e italiani, ma della quale la collettività ha ancora poca consapevolezza. In questi quattro giorni la cittadella universitaria sarà il cuore del dibattito scientifico internazionale sugli scenari futuri dell’energia elettrica e della sostenibilità ambientale”.

Il seminario sul mercato elettrico è stato realizzato in collaborazione la sezione di Palermo dell’Aeit, l’associazione italiana di elettrotecnica, elettronica, automazione, informatica e telecomunicazioni (responsabile scientifico il segretario Aeit Gaetano Zizzo). A lanciare il monito è stato proprio il vicepresidente di Aeit Palermo, Giacomo Trupia: “Il servizio Maggior tutela – ha spiegato – è stato introdotto nel 2008 a beneficio della clientela debole, costituita in massima parte dai piccoli consumatori delle utenze domestiche, con l’obiettivo di rendere non traumatica la transizione verso la liberalizzazione delle vendite al dettaglio. Nella Maggior tutela le tariffe del servizio elettrico sono ancorate ai parametri stabiliti trimestralmente dall’Autorità di regolazione per l’energia e quindi si tratta di un mercato non competitivo, ma nonostante questo i prezzi al consumo risultano inferiori a quelli offerti dal mercato libero”.

In base agli ultimi dati consolidati resi noti dall’Autorità per l’energia (anno 2016), su circa 37 milioni di utenze elettriche attive in Italia solo 13,8 milioni gravitano nel mercato libero mentre sono 23,3 milioni (il 63% del totale) quelle che beneficiano del regime tariffario di Maggior tutela (in Sicilia circa 2 milioni su un totale di 3).

Stabile o in leggera flessione, nel settore Maggior tutela, il costo della materia prima energia, che però in generale, come illustrato da Roberto Napoli, professore emerito del dipartimento energia “Galileo Ferraris” del Politecnico di Torino, rimane tra i più alti nel panorama continentale.

Pubblicità Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.