Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 10
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares

Al via il “Palermo Pride 2018”, con eventi, mostre, minifestival, performance e incontri che accompagneranno l’estate del capoluogo siciliano con un lungo “Palermo Pride Fest” che giunge fino al tradizionale Corteo, in programma per sabato 22 settembre. La presentazione a Palazzo delle Aquile, alla presenza del sindaco Leoluca Orlando.
“Non si tratta di un rinvio ne’ di una posticipazione ma di un ‘allungamento'”, fa sapere il Coordinamento Palermo Pride, che e’ in campo “per tutta l’estate con una serie di iniziative politiche, culturali e di spettacolo fino alla data del corteo in una sorta di lunghissimo percorso verso il Pride”. Un lungo calendario di iniziative che il Coordinamento ha voluto chiamare “Palermo Pride Fest” che, fino alla fine di settembre, mette al centro i temi dei diritti delle persone Lgbt+ e le elaborazioni dei relativi movimenti a partire dal tema scelto per quest’anno, cioe’ “DE*GENERE”.
Questo lungo percorso del Palermo Pride Fest, che e’ gia’ iniziato il 13 giugno con una prima iniziativa sui generi nella storia del Teatro (al Montevergini Bene Comune, spazio che il Coordinamento ritiene fondamentale all’interno del lavoro di costruzione del Pride in quanto luogo di una sperimentazione anomala e fruttuosissima della pratica dell’Uso Civico), avra’ la sua prima gioiosa esplosione di iniziative da domani a sabato 30 giugno.
Intorno alla Giornata Internazionale dell’Orgoglio Lgbt+ del 28 giugno, il Coordinamento ha voluto costruire un ricco calendario di eventi durante i quali si parlera’ di Tratta e sfruttamento della prostituzione (in collaborazione con il Network Persone Sieropositive NPS, La Migration e l’associazione delle Donne di Benin City), della crociata anti-gender (con Massimo Prearo e Sara Garbagnoli), della necessita’ di leggere ancora oggi Mario Mieli (insieme a Enrico Gullo, Massimo Prearo ed Helena Velena), della storia dei movimenti e delle persone trans (con Porpora Marcasciano), della violenza sui social e degli strumenti per proteggersi da essa (insieme a Cathy La Torre di Gay Lex e Marco Carnabuci di Rete Lenford) e delle performance di genere nel Teatro (in collaborazione con Preziosa Salatino).
Tutto questo accade anche a piazza Magione giovedi’ 28 e venerdi’ 29 giugno con il minifestival “Palermo Pride Suona – Orgoglio In Piazza”: una manifestazione con concerti, dj set, dibattiti politici e proiezioni di cortometraggi grazie alla quale si tornera’ nella piazza da cui sono partite le prime due edizioni del Palermo Pride. Quello sara’ per il Coordinamento “un presidio dal quale far partire con forza un chiaro messaggio: i Diritti civili e sociali non sono mai acquisiti per sempre e per salvaguardarli (ed esigerli) e’ necessaria una costante azione di resistenza e di creazione di reti di solidarieta'”.