Palermo. Smaltimento amianto, Figuccia: “Comune perde fondi europei”

0
263
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 14
  •  
  •  
  •  
    14
    Shares

“Altro che capitale della cultura o metropoli europea, Palermo è la capitale delle emergenze, e una delle più gravi è sicuramente la presenza di innumerevoli discariche di amianto, mentre il Comune perde milioni di euro di fondi europei”. Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo. “Ogni giorno – continua – ricevo dai cittadini esasperati tantissime segnalazioni della presenza del pericolosissimo materiale cancerogeno. Gli ultimi avvistamenti, ma soltanto in ordine di tempo, sono stati nella zona di piazza Indipendenza e in corso Tukory, dove giacciono in bella mostra alcuni tubi di amianto dismessi.

Come se non bastasse, nelle scorse settimane, avevamo segnalato la presenza, in contrada Rossella, nel quartiere di Borgo Nuovo, di una struttura imponente, grande migliaia di metri quadrati, composta da due edifici e un cortile esterno. L’impianto industriale in disuso, pensato per la produzione di fertilizzante, costato all’epoca circa 40 miliardi delle vecchie lire, oggi è un vero e proprio ecomostro che domina la zona periferica della città dove c’è una montagna di amianto.

E tutto questo avviene mentre il Comune sembrerebbe perdere decine di milioni di euro di fondi europei destinati ad hoc perché gli uffici non avrebbero predisposto i relativi bandi. Per conoscere i motivi di quest’ennesimo caso di mala amministrazione della Giunta Orlando, ho chiesto la convocazione in Commissione Consiliare dei responsabili degli uffici  direttamente interessati – conclude – per capire se c’è ancora una flebile speranza di recuperare qualche aiuto da parte dell’Unione Europea, che darebbe ossigeno alle casse comunali ormai con l’acqua alla gola, considerato che il Titatic-Comune sta pericolosamente affondando, mentre il sindaco e i suoi suonano allegramente la grancassa di un vano ottimismo”.