Palermo, mafia: ricordate le vittime della “strage di Ciaculli”

0
263
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 7
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

Commemorato, presso il cippo posto a memoria, a Palermo, il 55esimo anniversario della “strage di Ciaculli”, una delle prime stragi compiute dalla mafia nel territorio siciliano. Era il 30 giugno 1963, quando una Giulietta imbottita di tritolo, esplose provocando la morte di sette servitori dello Stato, tra carabinieri, poliziotti e militari dell’esercito. Nell’esplosione in contrada Ciaculli, rimasero uccisi il tenente dei carabinieri Mario Malausa e il maresciallo capo Calogero Vaccaro, il maresciallo dell’Esercito Pasquale Nuccio e il soldato Giorgio Ciacci, i carabinieri Eugenio Altomare e Marino Fardelli, il maresciallo della Pubblica Sicurezza Silvio Corrao. Nel 2011 ai militari uccisi in quella tragica giornata, è stata concessa dal Presidente della Repubblica, la Medaglia d’Oro al Merito Civile “alla memoria”. Alla cerimonia commemorativa erano presenti i familiari dei militari Caduti, le più alte cariche civili e militari cittadine. Gli onori militari, per la deposizione delle corone ai Caduti, sono stati resi da un reparto interforze formato da militari dell’esercito, dell’arma dei carabinieri ed agenti della polizia di stato.