Foto archivio
Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 77
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    77
    Shares

“Il Governatore, Nello Musumeci, conta di dotare la Regione di un nuovo piano rifiuti entro dicembre e per farlo, da Commissario straordinario per l’emergenza, ha deciso di arruolare 25 esperti – nonostante la pletora di personale regionale, pari a 14.797 unità in servizio nella pubblica amministrazione siciliana, come rileva proprio oggi la Corte dei Conti nel giudizio di parifica – da impiegare per un periodo decisamente superiore ai cinque mesi che mancano alla fine dell’anno.

I contratti degli esperti, infatti, vanno da un minimo di 8 mesi a un massimo di 16. Qualcosa non quadra”. Lo dice il deputato regionale del M5S Giampiero Trizzino, riferendosi all’avviso pubblico per la selezione di 25 esperti per la redazione del Piano regionale dei rifiuti, pubblicato dal Dipartimento dell’Acqua e Rifiuti, che scade lunedi’ prossimo e che fra l’altro, come indicato dal bando, prevede la possibilità di proroga degli incarichi.

“A pensar male delle volte ci si azzecca – afferma – Musumeci è consapevole che non rispetterà il cronoprogramma, sbandierato a mezzo stampa e che indica il mese di dicembre per la redazione del Piano, atto fondamentale per mettere a regime il sistema di gestione dei rifiuti in crisi da 20 anni, e sa bene che sara’ costretto a chiedere al Ministro dell’ambiente la proroga dei poteri speciali, prolungando oltre il 2019 l’agonia”.

Pubblicità

“A questo punto – conclude Trizzino – prima che i fatti diano conferma di ciò che sembra ormai una evidente certezza, Musumeci farebbe bene, per la sua immagine e per quella della Regione che rappresenta, a rimettere l’incarico di commissario per l’emergenza rifiuti, prima che sia Roma a revocarlo”.

Pubblicità

Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.