Pesca. Firmata una convenzione da 2,1 milioni di euro tra Regione e Comune di Sciacca

0
267
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 7
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

In occasione della quinta edizione di Azzurro Food, manifestazione enogastronomica per la valorizzazione del pesce azzurro, il Comune di Sciacca attraverso il suo sindaco Francesca Valenti e il direttore del dipartimento Pesca Mediterranea, Dario Cartabellotta hanno firmato la convenzione “Flag fishery local action group” che porterà finanziamenti per un valore di 2,1 milioni di euro al comparto della pesca di tutto il territorio che va da Sciacca a Menfi, Realmonte, Campobello di Mazara e Porto Empedocle, il cosiddetto Gac (gruppi di azione costiera nati per attuare il Piano di sviluppo locale), con un bando del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e per la Pesca” – FEAMP 2014/2020.
Presenti all’incontro, presentato dall’attrice Vanessa Galipoli anche Antonio Di Marca co-organizzatore Azzurro Food, Simone Scipioni, vincitore di Masterchef Italia, Paolo Brai direttore di Friend of the sea, Nino Carlino presidente del Distretto Pesca e Michele Catanzaro deputato regionale e vice presidente della commissione Attività produttive all’Ars. Azzurro Food prosegue fino a domenica 5 agosto con degustazioni dello chef Natale Giunta e spettacoli in piazza Scandaliato. Oggi, venerdì 3 agosto, il cooking show dello chef stellato Accursio Craparo.

Due i progetti che saranno finanziati, che rendono i pescatori complici nella pulizia del mare e nella beneficenza. Il primo riguarda l’azione di recupero dei rifiuti dal mare, attraverso l’azione dei pescatori, in modo che la plastica che resta nelle reti con la pesca a strascico non venga ributtata ma conferita nell’isola ecologica, realizzata dal Comune, dietro una premialità. L’altro progetto vede assieme i pescatori ed il Banco alimentare, in modo che tutto il pesce che non viene utilizzato per la vendita perché primo di valore commerciale, non venga ributtato in mare ma trasformato e dato in beneficienza.
Un finanziamento per la marineria saccense da 620 mila euro per il mercato ittico. Il mercato ittico di Sciacca è stato oggetto di un altro finanziamento, annunciato nel corso di Azzurro Food, pari a 620 mila euro, grazie ad un bando compartecipato dal Comune di Sciacca per la misura 1.43, per la riqualificazione del mercato ittico. «Uno dei temi centrali per i pescatori è dove andare a vendere il pesce – spiega Dario Cartabellotta. Intendiamo incentivare, come in agricoltura, la filiera diretta che rispetti il freddo, così i pescatori possano affidarsi ad un mercato regolare che permetta di ottenere prezzi migliori e aumentare il loro valore aggiunto rispetto alla banchina. Dovrebbe essere attivo entro la prossima estate».
«Il tal modo – spiega il direttore del dipartimento Pesca Dario Cartabellotta riusciamo a coniugare il divieto di rigetto in mare del pescato, che scatta dal 1 gennaio 2019 secondo la normativa comunitaria e che comporta delle multe, con una finalità benefica, incentivando l’importante industria della trasformazione del pesce. Tra i pesci solitamente rigettati a mare ci sono i serranidi, la tracina, i molluschi e altre specie prese a strascico di piccola dimensione, che possono diventare hambuger e polpette di mare ed essere donati al Banco alimentare, fornendo proteine biologiche di alto valore nutritivo».
Sulle azioni del dipartimento e sulla iniziativa Azzurro Food il direttore Cartabellotta aggiunge: «L’auspicio è un ritorno anche dei giovani alla pesca, come è stato per l’agricoltura, e una maggiore sensibilizzazione al rispetto del mare. Eventi come Azzurro Food servono a far conoscere il pesce azzurro, attraverso la positiva influenza degli chef, e far diventare gli involtini di spatola più chic di quelli di spada e così incentivare il consumo di pesci diversi”.
«Il settore pesca ha subito molto a causa di tutte le norme comunitarie – spiega il sindaco di Sciacca, Francesca Valenti – che sono state immaginate da una realtà lontana dalla Sicilia e dall’Italia, e create da un comparto pesca lontano da noi, che ha creato disagi. Poter contare sulla Regione Siciliana e sui finanziamenti ci fa tirare un sospiro di sollievo. Poi, i rifiuti a mare sono una piaga e pensare ad un meccanismo che ne liberi il mare e diventi una risorsa è importante».