Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 1
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

 

La Dia di Palermo ha eseguito all’alba una confisca da 150 milioni, decisa dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, ai danni dei palermitani Angelo e Angelo “vicini e contigui” a Cosa nostra.

I due fratelli sono titolari di vari stand all’interno del mercato ortofrutticolo di via Montepellegrino e, dalle investigazioni, risulterebbe che avrebbero consentito alla mafia di dominare il settore sia direttamente che a mezzo di “prestanome”, tramite l’influenza della famiglia mafiosa dell’Acquasanta, con a capo Galatolo.