Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

La Polizia di Stato, la scorsa notte, nell’ambito dei consueti servizi di controllo del territorio cittadino, ha arrestato il 40enne palermitano Isidoro Montalbano, evaso nel cuore della notte dalla propria abitazione dove si trovava agli arresti domiciliari per compiere un furto in un appartamento del centro, non molto distante.

Intorno alle 03:00,  lungo la via Wagner l’attenzione dei poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, in transito durante il servizio di controllo, è stata attirata dal suono di un allarme proveniente da un’abitazione di quella stessa via. Contestualmente, individuata l’esatta ubicazione dell’abitazione interessata, hanno scorto un uomo che usciva frettolosamente dalla finestra con un sacco sulle spalle, il quale alla vista della “Volante” si dava ad una funambolica fuga attraverso balconi  e tubature, per poi introdursi all’interno del cortile di un ristorante della vicina via Principe di Belmonte, a quell’ora chiuso.

I poliziotti, coadiuvati da altre unità, nel frattempo sopraggiunte, hanno cinturato la zona, disponendosi efficacemente agli angoli delle traverse limitrofe, in modo da precludere al malvivente ogni possibile via di fuga.

Contestualmente l’uomo, sempre braccato dagli agenti, ha continuato la propria fuga arrampicandosi lungo le tubature prospicenti il palazzo dove si trova l’esercizio commerciale e, scavalcando su un balcone si è steso per terra, nella vana speranza di non essere visto, salvo poi irrompere all’interno dell’abitazione sfondandone a spallate la finestra.

Gli agenti, anche grazie all’ausilio dei Vigili del Fuoco, hanno fatto irruzione nell’appartamento, in quel frangente disabitato, dove l’uomo si era introdotto, scoprendo che il fuggiasco era riuscito a guadagnare la fuga da un’altra finestra in direzione via A. Gravina; qui però ad attenderlo vi era un equipaggio della Polizia di Stato che ne interrompeva la rocambolesca fuga, bloccandolo e traendolo in arresto.

La refurtiva di cui si era impossessato il malvivente, riponendola all’interno di una federa che portava sulle spalle durante la fuga, è stata recuperata e consegnata al legittimo proprietario.

Pubblicità Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.