Catania. Chiusi al traffico da domani due viadotti sulla tangenziale

0
263
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 5
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

Due viadotti sulla tangenziale di Catania da domani cautelativamente chiusi al traffico per criticità strutturali. Lo rende noto il Comune di Catania, spiegando in una nota che in seguito all’esito della riunione convocata in prefettura tra rappresentanti del Comune e della Citta’ Metropolitana di Catania, Anas, Irsap e Polizia Stradale la Direzione Comunale Protezione Civile e l’Ufficio Traffico Urbano hanno predisposto le ordinanze di chiusura al traffico veicolare su due cavalcavia sulla tangenziale Ovest zona Passo Martino -direzione Siracusa – all’altezza dei KM 22 e 23, entrambi ricadenti nel territorio di Catania. A eseguire gli interventi, prioritariamente di messa in sicurezza per evitare il rischio di caduta calcinacci e poi successivamente di verifica e manutenzione, sara’ l’Ente Citta’ Metropolitana, che dai documenti e’ risultata proprietaria dei manufatti soprastanti la Tangenziale. Quest’ultimo asse viario non verrà dunque interessato in alcun modo alla sospensione della viabilità dei due viadotti, dove transitano principalmente mezzi pesanti destinati alle aziende del circondario.

“La riunione in prefettura, in sostanza – sottolinea la nota del Comune di Catania -, ha confermato quanto emerso nel sopralluogo tecnico di ieri guidato dagli assessori comunali Alessandro Porto e Giuseppe Arcidiacono, rispettivamente alla protezione civile e ai lavori pubblici e cioe’ le evidenti criticita’ strutturali in alcune parti, per via dei giunti ampiamente dilatati, parti logore e crepe dovute al tempo trascorso della loro realizzazione, per le quali sara’ necessario intervenire con opere di manutenzione straordinaria. In vista dell’interdizione al traffico veicolare, i tecnici comunali stanno anche realizzando un piano alternativo di viabilita’ per ridurre al minimo i disagi per i trasportatori individuando percorsi alternativi nella zona stessa”.