Palermo. Disabili: accessibilità, mobilità e integrazione. Cangelosi (Lega) lancia i temi da affrontare.

0
293
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 83
  •  
  •  
  •  
    83
    Shares

“Cari amministratori – dice Salvatore Cangelosi Presidente della Consulta dei disabili della Lega Palermo – miei rappresentanti, voglio porre la mia attenzione su 9 punti che a me  e ai ragazzi/e come me sono molto cari.

Quando la disabilità è parte del nostro quotidiano, ci si scontra con una realtà atipica, con situazioni difficili da sormontare e con le quali è difficile convivere. Questi sono i temi che desidero affrontare con voi: accessibilità, mobilità, integrazione dei disabili nella società, abbattimento delle barriere architettoniche, culturali e sociali:
1) spiagge accessibili;
2) realizzazione di nuovi scivoli per disabili su ogni marciapiede in corrispondenza delle strisce pedonali e utilizzo di paletti per evitare il parcheggio davanti agli scivoli;
3) tolleranza zero per parcheggio selvaggio davanti agli scivoli;
4) negozi commerciali accessibili;
5) inclusione dei disabili nel lavoro e promuovere il telelavoro ai disabili con invalidità al 100%;
6) realizzare case popolari ecosostenibili per disabili e famiglie con disabili: le persone con grave handicap, documentato ai sensi della legge 104/92, le persone con invalidità civile documentata non inferiore al 74%, ai sensi della legge 118/71, le persone affette da cecità civile documentata non inferiore all’80%, ai sensi della legge 382/70;
7) servizio di trasporto a chiamata per disabili: Il comune deve dotarsi di mezzi attrezzati per il trasporto di persone disabili. Deve assicurarsi che tutti gli autisti dei mezzi siano autorizzati all’utilizzo di sollevatori e sistemi di bloccaggio per le carrozzine.

Deve assicurare la manutenzione e l’operatività delle pedane. Formare gli autisti in modo che il disabile venga assistito e non sia trattato come un sacco di patate o che l’autista non lo lasci alla fermata perché non ha voglia di scendere ad aiutarlo. Realizzare pensiline rialzate e dotate di scivoli per un più comodo accesso al mezzo da parte del disabile;
8 ) stazione ferroviaria accessibile ai passeggeri con disabilità o a mobilità ridotta: Sviluppare percorsi privi di ostacoli, informazioni sonore e visive, dispositivi di ausilio per l’accesso a bordo, giusta larghezza e altezza dei marciapiedi. Ascensori che permettono al disabile nelle stazioni ferroviarie, lo spostamento da un binario all’altro, potenziamento dell’assistenza: biglietterie, uffici informazioni, servizi igienici;
9) trasporto ferroviario: Realizzare pensiline rialzate e dotate di scivoli per un più comodo accesso al mezzo pubblico da parte del disabile, prevedere modalità di ancoraggio, pedane, scivoli o elevatori per consentire al disabile l’accesso al mezzo;
il mio appello all’Amministrazione Comunale di Pollina, Ritengo che i ragazzi/e disabili e le loro famiglie meritino grande attenzione. Questi temi – conclude Cangelosi -devono divenire prioritari nella quotidiana azione amministrativa.

Chiediamo che l’amministrazione comunale, in sinergia con tutte le realtà che sul territorio si occupano di disabilità e con l’assessorato ai servizi sociali, intraprenda un percorso volto al miglioramento dei servizi sul territorio e ne implementi di nuovi, consapevoli che la disabilità non rappresenta un mondo a sé, ma appartiene a questo mondo con la stessa dignità”.