Butera, falsa invalida guidava l’auto e accompagnava i figli a scuola. Le fiamme gialle le sequestrano 25 mila euro

0
198
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 2
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Una falsa invalida è stata scoperta a Butera, in provincia di Caltanissetta, dalla Guardia di finanza che ha sequestrato 25mila euro indebitamente percepiti. Le indagini, grazie a numerosi appostamenti, hanno permesso di appurare “l’effettiva autonomia e l’assenza di impedimenti fisici” della 47enne, destinataria di un assegno di invalidità civile. La 47enne è stata osservata mentre faceva la spesa, accompagnava i figli a scuola, si recava al mercato o guidava l’auto “senza necessità di alcun ausilio e con totale libertà dei movimenti” spiegano le Fiamme gialle accertando che l’indennità concessa era stata ottenuta grazie ad “artifizi e raggiri, traendo in inganno sia la commissione medica dell’Asl di Gela che il centro medico legale dell’Inps di Caltanissetta”. All’indagata sono state contestate le ipotesi di reato di truffa aggravata ai danni di un ente previdenziale e falso per induzione in errore perché fingendo limitazioni funzionali e articolari ha ottenuto l’invalidità totale con inabilità lavorativa al 100 per cento percependo, indebitamente, l’indennità di accompagnamento. Il giudice per le indagini preliminari ha emesso un decreto di sequestro preventivo per equivalente per 25mila euro corrispondente alle somme indebitamente percepite sotto forma di indennità di accompagnamento dall’aprile 2014 al febbraio 2018.