Nascosti all’interno dei camion, stavano per sbarcare a Palermo. Otto clandestini saranno rimpatriati

0
695
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 62
  •  
  •  
  •  
    62
    Shares

Operazione della Polizia di Frontiera Marittima al porto di Palermo per contrastare il fenomeno degli sbarchi clandestini di migranti. Gli agenti hanno effettuato un controllo dei passeggeri e dei veicoli e dei mezzi commerciali, sbarcati al porto di Palermo. Le operazioni sono state compiute insieme ai colleghi della Digos della Questura.

Nel corso delle ispezioni a bordo della motonave “Catania”, proveniente da Tunisi e diretta a Salerno, con a bordo 903 passeggeri e 236 veicoli, sono stati individuati 8 ‘clandestini’, presumibilmente di nazionalità tunisina, che si erano nascosti all’interno di due distinti mezzi pesanti, di cui uno carico di materiale ferroso.

I veicoli, dei semirimorchi, pur integri nella parte posteriore, dove erano stati apposti i sigilli doganali prima dell’imbarco, risultavano invece danneggiati nella parte superiore, con evidenti tagli sul telone di copertura. Ciò ha insospettito i poliziotti.

In effetti, una volta fatti sbarcare, i veicoli sono stati sottoposti ad un’accurata ispezione, nel corso della quale i cittadini extracomunitari sono stati trovati nascosti dietro alcuni pannelli metallici che gli consentivano di celarsi per sfuggire a un primo controllo visivo.

mde

Gli agenti, inoltre, hanno trovato all’interno di un semirimorchio frigo attrezzi metallici, tra i quali scalpelli, martelli, trapani e seghe, evidentemente utilizzati dai clandestini per forzare i veicoli. Gli uomini, tutti di età compresa tra i 18 e i 40 anni, erano privi di documenti di riconoscimento. Dopo le formalità di rito volte alla loro identificazione, sono stati respinti alla frontiera e affidati alla security della nave per essere ricondotti nel  paese di provenienza.