Palermo Pride 2018, sindaco Orlando: “Città culturalmente avanzata”

0
387
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 24
  •  
  •  
  •  
    24
    Shares

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e l’assessore alla Cultura, Andrea Cusimano, hanno partecipato, presso la Sala Onu del teatro Massimo, alla conferenza stampa di presentazione del “Palermo Pride ’18”, in programma da giovedi’ 20 a domenica 23 con il Palermo Pride Village e con la tradizionale parata, che inizia alle 15.30 di sabato 22 settembre. “L’edizione 2018 del Palermo Pride – ha sottolineato il sindaco Orlando – come sappiamo e’ ormai attiva dallo scorso mese di giugno e si concretizzera’ con la tradizione parata di sabato 22 settembre. Questo a conferma di quanto sia radicato nel cuore della citta’ il riconoscimento dei diritti umani di tutti e di ciascuno e dei diritti LGBT e di quanto Palermo sia una citta’ culturalmente avanzata, anche piu’ avanti di tante altre realta’ del nostro Paese”.

“Questo – presegue il sindaco Leoluca Orlando – crea qualche problema rispetto a quello che accade oggi in Italia, dove i diritti sembrano diventati una scelta opzionale e il riconoscimento debba dipendere dal populismo e dalla intolleranza che un giorno lo riconosce e l’indomani lo nega, creando una sorta di inquinamento della cultura, contrapposta alla nostra che riconosce il diverso come un valore. Proprio per questo, l’effetto di questo inquinamento, fatto attraverso messaggi populisti dell’intolleranza contro migranti e omosessuali, rischiano di essere, paradossalmente, piu’ pericolosi dell’intolleranza dichiarata. Comincio’ cosi’ Benito Mussolini…”. A presentare il programma delle prossime settimane insieme al direttivo anche le due madrine di questa edizione del Pride: Porpora Marcasciano, una delle fondatrici del MIT Movimento Identita’ Transessuale, e Letizia Battaglia, fotografa e figura di riferimento per tutti i Movimenti cittadini.

Il Pride quest’anno ha anche scelto di capovolgere il tradizionale concetto di madrinato: oltre a chiedere a due amiche di essere testimonial del loro lavoro e delle loro battaglie ha voluto a sua volta farsi testimonial di tre meravigliose esperienze di impegno civile e di trasformazione culturale e sociale quali il Forum Antirazzista, SOS Mediterranee e Pro Activa Open Arms che saranno presenti sul palco di chiusura del corteo, sabato 22. Il Palermo Pride, e’ stato sottolineato, diventa allora testimonial e prende posizione rispetto a una questione fondante di questo tempo: l’apertura dei porti e il soccorso in mare.