Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

“Abbiamo invertito una tendenza, eravamo stati abituati a una sanità che obbligava a contratti a tempo determinato di tre mesi e a giovani costretti a lasciare la Sicilia. Noi vogliamo imporre un modello opposto, con contratti a tempo indeterminato e giovani che potranno tornare in Sicilia”.

Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, in un convegno al palacultura a Messina. “E’ un percorso lungo – prosegue Razza – ma lo abbiamo già messo in campo con il concorso straordinario per gli anestesisti, ne stiamo predisponendo un altro per il personale di pronto soccorso, proseguiremo con le reti ictus, infarto e politrauma. Vogliamo recuperare posti di lavoro e il tempo perso in passato”.

“E’ in corso inoltre – ha aggiunto Razza – la procedura di selezione dei direttori generali degli ospedali regionali e non vediamo l’ora che si completi. La Regione e’ la seconda in Italia ad attuare il modello del decreto Lorenzin. I nuovi direttori resteranno in carica un triennio e io spero presto di poter lavorare presto con loro. Entro un mese potremmo avere un assetto definitivo”.

Pubblicità Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.