Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

“L’esperienza maturata in Sicilia, in questi anni, nel campo della tutela, della protezione e valorizzazione dei Beni culturali sommersi, verrà condivisa con le realtà già esistenti in Montenegro, avviando un percorso comune per lo sviluppo delle politiche culturali relative al ricco patrimonio sommerso”. Lo dice il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, commentando l’avvio di un percorso di collaborazione e strategie comuni in materia di beni culturali che la Regione e il governo montenegrino hanno intenzione di mettere in atto.

L’accordo è stato raggiunto a Budva dall’assessore regionali dei Beni culturali Sebastiano Tusa con il ministro della Cultura del Montenegro Aleksandar Bogdanovic e il segretario generale del governo Natasa Pesic, durante i lavori del convegno International symposium on the protection of underwater archaeological sites and education of professional.

All’incontro esperti e studiosi del mondo dell’archeologia subacquea e della protezione del patrimonio culturale. Tra i principali argomenti trattati, la protezione dei siti archeologici subacquei e la formazione di archeologi e subacquei per la protezione del patrimonio sommerso. Sono intervenuti esperti e archeologi di diversi Paesi: Croazia, Slovenia, Albania, Serbia, Italia e Montenegro. “In veste sia di assessore dei Beni culturali, che in rappresentanza del governo siciliano, cosi’ come voluto dal presidente Musumeci – dice Sebastiano Tusa – confermo fin da adesso la volontà nella collaborazione con le istituzioni montenegrine. In particolare sara’ interessante e proficuo per i due paesi intensificare lo scambio di informazioni per rendere più efficace l’azione di prevenzione e repressione dello scavo e del recupero illegale di beni storico-archeologici subacquei in stretta collaborazione con le forze dell’ordine. Avere divulgato – conclude l’assessore – temi inerenti il patrimonio culturale subacqueo della Sicilia ha contribuito ad accrescere la conoscenza della nostra regione con importanti ricadute nei settori dello scambio culturale, del turismo e dell’enogastronomia”.

Negli ultimi anni, durante le numerose campagne archeologiche, sono stati individuati 23 siti subacquei – di cui 11 di epoca antica – facendo entrare cosi’ il Montenegro nella mappa mondiale dell’archeologia subacquea e fornendo, quindi, grandi aspettative per lo sviluppo del settore della ricerca scientifica e subacquea e della protezione del patrimonio culturale. Il Governo del Montenegro – ha dichiarato il ministro Bogdanovic – presta particolare attenzione allo stato del patrimonio culturale sottomarino, riconoscendo le sue potenzialità e sostenendo finanziariamente la ricerca e la formazione di subacquei e tecnici specializzati.

Pubblicità Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.