Fincantieri, processo per protesta del 2011. Imputati in aula in tuta blu

0
36
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Hanno testimoniato questa mattina, davanti alla seconda sezione penale del Tribunale, i 40 lavoratori di Fincantieri Palermo sotto processo per lo sciopero di 11 giorni che si svolse a Palermo a partire dall’11 luglio 2011.

Dopo aver ascoltato i vigilanti di Fincantieri e l’ex direttore, oggi il giudice Sabrina Argiolas ha sentito la replica degli operai di Fincantieri, protagonisti dello sciopero, che si sono presentati in tuta da lavoro. Furono solo 40 gli operai denunciati da Fincantieri, su un totale di 560 dipendenti e di mille lavoratori dell’indotto che avevano partecipato allo sciopero unitario di Fiom, Fim e Uilm. Dei 40 lavoratori imputati, 38 sono iscritti alla Fiom Cgil (uno e’ deceduto).

Ad assisterli l’avvocato del sindacato Fabio Lanfranca. “Fu uno sciopero molto impegnativo, sia in termini economici che fisici, passavamo anche le notti in fabbrica a scioperare – dice Francesco Foti, Fiom Cgil, dipendente Fincantieri all’epoca dei fatti, ex Rsu, oggi componente della segreteria provinciale del sindacato, che ha testimoniato assieme ai suoi compagni di lavoro – il rischio di licenziamento per gli operai dell’indotto era dietro la porta e per i dipendenti Fincantieri era prevista la cassa integrazione a zero ore”. “Di fatto – aggiunge Foti – era iniziato lo smantellamento dello stabilimento. Abbiamo lottato in maniera civile, con gli strumenti previsti dal nostro ordinamento, con i sit-in e lo sciopero, e c’e’ costato soldi, vita e fatica. Oggi ci ritroviamo sul banco degli imputati. Solo noi della Fiom: perché? Presi di mira, per avere chiesto lavoro, occupazione e sviluppo. Difendevamo il posto di lavoro e la sopravvivenza della più grande industria di Palermo”.

Lo sciopero scattò per protestare contro il mancato arrivo a Palermo della commessa da 70 milioni di euro per la riparazione della nave Costa Romantica, affidata all’improvviso, anziche’ a Palermo, al cantiere Mariotti di Genova. L’azienda comunicò che a Palermo sarebbe iniziata la cassa integrazione.