Pubblicità
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Ieri durante un ordinario servizio di prevenzione e controllo sul rispetto della normativa in materia ambientale, i Carabinieri Forestali del Centro Anticrimine Natura di Palermo hanno effettuato 2 controlli amministrativi presso altrettanti esercizi commerciali, entrambi nel Comune di Palermo, dediti al commercio all’ingrosso e dettaglio di imballaggi.

A seguito dell’accertamento sono state sequestrate oltre 24 tonnellate di sacchetti di plastica (c.d. shoppers) di illecita fattura ed elevate sanzioni amministrative per un importo pari a 10.000 €.

La normativa comunitaria ha infatti previsto che gli shopper, per essere regolari, possono essere alternativamente del tipo compostabile/non riutilizzabile o del tipo riutilizzabile.

I sacchetti compostabili possono presentare la dichiarazione di compostabilità e devono presentare un logo che attesti la conformità agli standard EN 13432.

I sacchetti del tipo riutilizzabile oltre ad avere degli spessori ben determinati dalla legge – tra i 60 e i 200 micron a seconda dell’uso al quale sono destinati – e devono contenere dei quantitativi minimi variabili tra il 10% e il 30% di plastica proveniente da riciclo.

Sono in corso ulteriori accertamenti per accertare la provenienza dei sacchetti irregolari. Sebbene la merce sequestrata abbia un valore all’ingrosso superiore a 40.000 €, in entrambi i casi, i commercianti non hanno esibito alcun documento di acquisto.

Pubblicità Ciao, ti invito a mettere "Mi piace" alla mia Pagina perché ho pensato che ti potrebbe fare piacere sostenerla. Riceverai aggiornamenti relativi alle novità e potrai interagire con altre persone su questa Pagina.