Serie B, domani al Palaminardi il match con il Cus Unime che assegnerà il terzo posto solitario

0
89
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 5
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

Incontro importante, domani pomeriggio per le giovani della Serie B della Virtus Eirene Ragusa, che al Palaminardi con inizio alle ore 18,30 se la vedranno con il Cus Unime Messina nella gara valida come terza giornata del girone di ritorno. Le ragazze di coach Yvan Baglieri e Gianni Lambruschi sono infatti appaiate in classifica alle messinesi a quota 14 e chi vincerà resterà da solo al terzo posto della classifica, dietro Alma Basket e Rainbow Catania. Le giovani aquile biancoverdi, che sono reduci dalle due vittorie consecutive con Rescifina Messina e Stella Basket Palermo, proveranno a fare ovviamente il tris. 

“Stiamo facendo un ottimo campionato perché nonostante l’assenza di tre pedine importanti come Bongiorno, Rimi e Olodo che abbiamo potuto utilizzare solamente in tre partite, siamo riusciti a vincere 7 partite su 11. Le quattro sconfitte sono arrivate contro le 4 squadre candidate a giocarsi la promozione, ma comunque non sono state mai nette, e dopo 40 minuti sempre molto tirati.

Questo a dimostrazione del fatto che  stiamo lavorando bene e che siamo sulla strada giusta per far crescere queste ragazze. Adesso dopo le due vittorie su altrettante partite disputate nel girone di ritorno ci ritroviamo subito dietro alla coppia di prime (Patti e Catania), a 14 punti in coppia con Messina che incontreremo domani 19 gennaio nella terza gara di ritorno. Non sarà facile: all’andata, ancora poco esperienti in un campionato senior, abbiamo giocato bene i primi due quarti per poi crollare nel terzo periodo perdendo di una quindicina di punti.

Buongiorno Adesso affronteremo la partita con lo stesso spirito delle altre 11, dando il massimo e prendendo ciò che il campo ci offre. Alla sirena finale guarderemo il tabellone e se ci sorriderà ci godremo il terzo posto in solitaria, altrimenti continueremo a lavorare tanto e con pazienza come abbiamo fatto negli ultimi quattro mesi”.