ATLANTE DELL’ARTE CONTEMPORANEA DE AGOSTINI | PRESENTATO A ROMA IL 15 FEBBRAIO 2019

0
714
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 63
  •  
  •  
  •  
    63
    Shares

Francesca Falli tra gli 800 artisti selezionati dal comitato scientifico che ha redatto il prestigioso volume

Venerdì 15 febbraio 2019 è stato presentato a Roma, in presenza di Daniele Radini Tedeschi e Achille Bonito Oliva l’Atlante dell’Arte Contemporanea prodotto dalla prestigiosa Casa Editrice multinazionale DeAgostini di Novara, adesso nelle librerie di tutta Italia. Nel mondo dell’arte italiano è certamente una delle iniziative editoriali più prestigiose e attese da tutti gli artisti, critici d’arte, gallerie d’asta e galleristi che attraverso questo strumento oggi hanno la possibilità di conoscere gli artisti contemporanei più apprezzati dalla critica ufficiale con le quotazioni delle opere che le rendono appetibili e ricercate nel mercato dell’arte internazionale. I collezionisti, gli investitori d’arte, i galleristi, gli stessi critici d’arte e tutti gli artisti, con questo strumento oggi hanno la possibilità di avere dei punti di riferimento certificati dai migliori esperti e critici d’arte italiani rispetto alla qualità delle opere e al loro valore medio nel mercato internazionale dell’arte. Il prodotto editoriale della De Agostini ci consegna un lavoro certosino e attento, durato oltre tre anni, con oltre mille pagine policromatiche che rendono l’opera veramente unica e che certamente farà apprezzare tutti gli artisti e le loro opere catalogate in questa raccolta. Il progetto editoriale ha visto la collaborazione della società Start Group che ha contribuito a rendere il lavoro ricco di informazioni di difficile reperibilità perché sparse in diverse fonti non sempre facilmente rintracciabili. Il lavoro raccoglie 800 artisti contemporanei in attività tra il 1950 e il 2019, classificati con delle schede sintetiche che forniscono al lettore informazioni sulla ricerca artistica, sulle tecniche utilizzate, sul genere d’arte prodotto, in quali gallerie è possibile trovare le opere. Insomma, un vero e proprio archivio con tutte le informazioni utili sugli 800 artisti, la loro arte e i recapiti per contattarli.

L’immane lavoro per realizzare quest’opera è stato coordinato da Daniele Radini Tedeschi e Stefania Pieralice, e dà diversi approcci di lettura, sia alfabetico che per regioni, oltre ad una approfondita conoscenza del sistema dell’arte italiana.

Descrizione dell’Atlante dell’Arte Contemporanea DeAgostini 2019

Questo prestigioso volume che ambisce ad essere il principale strumento internazionale di consultazione per l’arte avrà il grande merito di offrire una guida attenta e dettagliata del panorama artistico contemporaneo italiano, costituendo, su scala regionale, provinciale e comunale, una vera e propria mappa dei migliori talenti. Punto di riferimento per istituzioni museali, artisti, collezionisti, galleristi, case d’asta, e amatori, l’Atlante intende sottolineare le virtù peculiari di pittori, scultori, fotografi, performer, video maker grazie alla decostruzione del mito globalizzato in favore di un’indagine locale e periferica. Come in passato era esistita la scuola senese e quella fiorentina, la pittura veneta e quella napoletana, oggi diventa sempre più necessario ritrovare i segni, le stimmate, di queste peculiarità fin troppo corrose dalla globalizzazione e dal Sistema dell’Arte. Ogni regione, provincia, comune registrerà gli schedari dei singoli artisti, classificati in base al loro stile e descritti attraverso dati quali biografia, mercato, quotazioni, aggiudicazioni d’asta, mentre solo per taluni protagonisti sarà dedicata una sezione particolare con apparati storico-critici. Una parte residuale della pubblicazione analizzerà anche alcuni artisti internazionali. La presentazione ufficiale con anteprima internazionale si è tenuta a Roma presso il Museo dell’Ara Pacis il 15 febbraio 2019. La giornata è stata dedicata anche a diversi incontri che hanno coinvolto importanti personalità della cultura, delle Istituzioni e del collezionismo, tra i quali Daniele Radini Tedeschi e Achille Bonito Oliva. La copertina dell’Atlante, edizione 2018, dedicata a Mimmo Paladino – personalità paradigmatica dell’arte e protagonista della Transavanguardia teorizzata da Achille Bonito Oliva – intende porre l’attenzione sul significato della modernità al di là di ogni categoria, sul valore del simbolo e della spiritualità arcaica. Paladino infatti, al pari dei lavori di Matisse per la cappella di Vence, ha realizzato, nel 2017, assieme alla stilista Alberta Ferretti i paramenti sacri per la cappella Rucellai di Firenze, confermando una sensibilità profonda rivolta al mistero cristiano. Il comitato scientifico, costituito da critici e intellettuali di chiara fama, ha valutato l’inserimento di ogni artista sulla base di parametri selettivi molto stretti rivolgendosi esclusivamente ad artisti professionisti. Diverse le sezioni speciali trattate attraverso degli approfondimenti redazionali: un focus è stato rivolto agli esponenti dell’Estetica Paradisiaca, corrente d’avanguardia nata nel primo decennio del Duemila e largamente diffusa su scala internazionale; un capitolo è stato dedicato alla fotografia contemporanea e ai legami tra arti tradizionali e immagine riprodotta attraverso i video mediante il labile confine tra video art e cortometraggio; infine un paragrafo è stato rivolto alla Biennale di Venezia con interviste e recensioni ai protagonisti delle più recenti esposizioni lagunari. Oltre alla profondità dei contenuti, la notevole cura editoriale, unita ad un gusto grafico moderno e aggiornato, conferisce a questo volume la dovuta attenzione internazionale.

Tra gli artisti selezionati dalla De Agostini e dal comitato scientifico per la redazione del volome, figura l’artista Francesca Falli lavora da sempre nel campo delle arti visive. La Falla ha frequentato l’Istituto d’Arte, L’Istituto Europeo di Design a Roma e l’Accademia di Belle Arti. Ha esposto a: L’Aquila, Pescara, Roma, Genova, Bologna, Venezia, Formentera, Bergamo, Napoli, Milano, Treviso, Salerno, Ischia, Amalfi, Matera, Caserta, Cava dei Tirreni, Malta, Stoccolma, Shangai, Austria, Palestina, Londra, Miami, Mosca, San Pietroburgo, Spagna, Londra, Malta, Motta di Livenza, New York. Le sue opere sono esposte in alcuni musei di arte contemporanea più importanti in Europa. Ha ricevuto premi e riconoscimenti sia in Italia che all’estero. È socia del Centro Interdisciplinare sul Paesaggio Contemporaneo. Ha esposto i suoi “Pollage” nella sezione grandi Gallerie nelle principali Fiere di arte contemporanea italiana accanto alle opere Warhol, Festa, Angeli e Schifano.

De Agostini

Servizio andato in onda su TG RAI2 del 15 febbraio 2019 (dal minuto 28:59 al minuto 30:50):

https://www.raiplay.it/video/2019/02/TG2-2030-5a6f435a-2e98-4adf-9831-eb2ffe20308b.html

Francesca Falli

http://www.artetra.it/it/francesca-falli/
https://www.facebook.com/francesca.falli1

francesca.falli@gmail.com

Previous articleSanità: al G.Giglio di Cefalù un ambulatorio di cardiologia pediatrica
Next articleDalla Sicilia all’Hollywood disco di Milano Martines Star della notte stile Formentera
Andrea Giostra
SHORT-BIO | ANDREA GIOSTRA Appassionato di Arte, Letteratura e Cultura. Laureato in Psicologia Clinica con lode, con gli ultimi quattro esami sostenuti all'Università di Gent (Belgium), dove ha preparato la tesi di laurea all'interno di un progetto di ricerca scientifica della Faculty of Psychology and Educational Sciences diretta dalla Prof.ssa L. Verhofstadt-Denève. Per cinque anni ha collaborato con la Cattedra di Psicologia Clinica dell’Università degli Studi di Palermo diretta dallo psicoanalista Prof. L. Sarno. Ha partecipato ad un Corso Biennale di perfezionamento post-lauream in Psicoanalisi Freudiana presso l’Istituto Italiano di Psicoanalisi di Gruppo diretto dal Prof. L. Sarno. Ha frequentato un Master biennale in Formazione e Specializzazione Rorschach diretto dai Dott. S. Parisi e P. Pes presso l’Istituto Italiano di Studio e Ricerca Psicodiagnostica Scuola Romana Rorschach. Ha frequentato un Master triennale in Criminologia diretto dal Prof. G.V. Pisapia dell'Università degli Studi di Padova e presieduto dal Prof. G. Tranchina dell’Università degli Studi di Palermo. Project Manager e Planner di importanti Opere e Mostre di Arti Visive e di Architettura.