“La regina delle rose” di Isabel Russinova al Festival Cinema e Libri di Roma

0
176
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Si è conclusa in maniera eccellente, lo scorso 29 agosto, la manifestazione “Festival Cinema e Libri” edizione 2019 organizzata e condotta dai direttori artistici Giovanni Fabiano e Maria Castaldo, con la presentazione del libro “La regina delle rose”, di Isabel Russinova, tenutasi presso l’Isola del Cinema di Roma. Moderatore della serata il Dott Gianni Todini vicedirettore di Askanews, tra le principali agenzie d’informazione italiane.

 

Nel libro “La regina delle rose”, pubblicato da Armando Curcio Editore, si racconta della vicenda della principessa Giovanna, figlia del re Vittorio Emanuele III re di Italia e di Elena di Montenegro, che sposò Boris III di Bulgaria. La storia prende il via dal primo incontro dei due giovani (lei 23 anni, lui 30), combinato politicamente. L’incontro avvenne nel bucolico paesaggio della tenuta regia di San Rossore in Toscana. Ma questo non fu solo un matrimonio politico, ma con il conoscersi progressivamente i due giovani si innamorarono fino a giungere al loro matrimonio, che inizialmente fu osteggiato dalla corte bulgara a causa della diversità di religione di lei ma che invece trovò appoggio del Nunzio apostolico di Sofia, Angelo Roncalli, futuro Papa Giovanni XXIII.

Giovanna fu una donna e di grande carattere e forte della sua fede che la sostenne in quelle vicende storiche del drammatico suo periodo, ma fu anche donna sensibile, umile e discreta. Visse l’inferno dei momenti storici e tempestosi dell’Europa tra il 1927 e il 1943, ma Giovanna di Savoia, sperava e credeva nel paradiso. E’ stata l’ultima zarina di Bulgaria, ancora oggi rispettata ed amata nel suo ricordo.

Una storia, narrata in questo libro che, come la stessa autrice ha sottolineato, è nata dall’urgenza di “fermare” la memoria che altrimenti sarebbe andata  appannandosi e sbiadendo così ingiustamente. Una storia anche d’amore e trascendenza in cui i ricordi personali, trasmessi dalla famiglia dell’autrice, si incrociano con i fatti storici ricostruiti con dovizia di dettagli, che ne fanno un romanzo coinvolgente ed avvincente.