Anna Marinescu, indossatrice e fotomodella | INTERVISTA

0
797
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

«Quando fai le foto devi trasmettere emozione, felicità, amore, passione, tristezza, se non si trasmette ciò non è vera arte»

Ciao Anna, benvenuta e grazie per aver accettato il nostro invito. Se volessi presentarti ai nostri lettori cosa racconteresti di te quale modella e artista?

Mi chiamo Anna Maria Marinescu, ho 25 anni, sono rumena, ma vivo qua in Italia da quando sono piccola. Sono mamma di un bimbo di 7 anni. Per sapere più cose di me seguitemi sulla mia pagina ufficiale Facebook Lolita mora. Come modella artistico ho scelto di essere Lolita mora, come l’attrice del film, una ragazza di 15 anni che viene trattata male da tutti, ma alla fine decide di fare innamorare di lei tanti uomini, con provocazioni, per poi lasciarli lì, soli e a farsi del male.

Qual è stato il tuo percorso artistico/professionale che hai seguito e che ti ha condotta dove sei ora?

Il mio percorso e iniziato per gioco con un concorso di bellezza con Lucia Magnolo, e da lì è iniziato tutto 4 anni fa.

Come e quando è nata la tua passione per questo lavoro? Vuoi raccontarcela?

La mia passione e nata da piccola attraverso il telegiornale. Guardando il TG tutte le sere, vedevo cose brutte su alcune ragazzine piccole, e mi sono sempre detta che da grande avrei voluto fare questo lavoro per vari motivi, leggendo le altre domande capirete perché.

Chi sono stati i tuoi maestri che vuoi ricordare in questa intervista? Quelli che ti hanno iniziata e che ti hanno avviato in questa professione?

I primi maestri sono stati: Lucia Magnolo e Franco Donato.

A chi ti ispiri nel tuo lavoro? Chi sono i tuoi modelli nel panorama nazionale e internazionale?

Come modella non mi ispiro a nessuno, ma solo a me stessa

Nel gigantesco frontale del Teatro Massimo di Palermo, la mia città, c’è una grande scritta, voluta dall’allora potente Ministro di Grazia e Giustizia Camillo Finocchiaro Aprile del Regno di Vittorio Emanuele II di Savoia, che recita così: «L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Vano delle scene il diletto ove non miri a preparar l’avvenire». Tu cosa ne pensi di questa frase? Davvero l’arte e la bellezza servono a qualcosa in questa nostra società contemporanea tecnologica e social? E se sì, a cosa servono oggi l’arte e la bellezza secondo te?

L’arte e la bellezza servono. Quando fai le foto devi trasmettere emozione, felicità, amore, passione, tristezza, se non si trasmette ciò non è vera arte.

Conoscerai benissimo un’antica credenza secondo la quale “la fotografia ruba l’anima”. Oliviero Toscani, che di fotografia un po’ se ne intende, in una intervista rilasciata qualche anno fa ad Assisi presso il Convento di San Francesco dov’era per visitarlo, disse che «Forse è per questo che tante persone che sono troppo fotografate rischiano di diventare vuote dentro. Tante top model, tanti uomini famosi sono vuoti … la fotografia di fatto ruba il luogo della libertà, l’energia che ci fa vivere e andare avanti … e quindi, da questa prospettiva, chi scatta una foto deve sentirsi addosso una responsabilità pesante come un macigno … la responsabilità è nel capire che la fotografia ritrae le persone per quello che sono. Per questo bisogna stare attenti a documentare con serietà. Io posso dire che mi domando sempre se ho sufficienti cultura e capacità per raccontare e testimoniare il tempo che sto vivendo». Tu da donna fotografata per professione, cosa ne pensi delle parole di Toscani? Davvero essere tanto fotografati può rubare l’anima tanto da diventare vuoti dentro? Cosa risponderesti da modella a Toscani?

Non saprei risponde a questa domanda. Posso però dire che quando faccio le foto mi dico sempre: Anna, cerca di essere sempre te stessa per poter di mandare un segnale di felicità e di una emozione.

Le grandi star hollywoodiane ed americane ripetono spesso queste parole: “to become a great artist you have to choose: either work or love” (per diventare un grandissimo artista devi scegliere: o il lavoro o l’amore). Pensi che i grandi artisti americani, vincitori di Oscar, di Golden Globe, di Pulitzer, che hanno fatto questa scelta di vita, abbiano torto o ragione? Qual è il tuo pensiero in merito rispetto alla tua esperienza professionale?

Penso che non hanno ragione, per il semplice fatto che molti di loro non si ricordano da dove sono venuti e chi erano una volta.

Hai mai pensato di passare al cinema, una volta terminata la tua carriera di modella e indossatrice? Sai bene che moltissime top-model di fama mondiale ci hanno provato, ma non tutte sono diventate Charlize Theron, top model di grandissimo successo internazionale, poi straordinaria attrice vincitrice di Oscar (2004) e di Golden Globe (2004).

Sì, ci ho pensato, mi piacerebbe molto, ma con modalità diverse, cercare di non recitare una parte, ma di esprimere con le proprie parole e con emozione la trama del film.

Quali sono gli autori e i libri che hai amato e che consiglieresti ai nostri lettori? Suggerisci almeno tre libri e tre autori da leggere nei prossimi mesi dicendoci il motivo della tua scelta.

Non so rispondere a questa domanda perché nella mia vita ho letto solo i libri di scuola.

Tre film e tre registi da vedere assolutamente? Quali consiglieresti ad una amica appassionata di cinema? E perché secondo te proprio questi?

Gabriel Garko, L’onore e il rispetto, questo film e bello, perché ti fa capire molte cose importanti. Perdere delle cose per errori che si fanno nella vita, ma alla fine ti fa capire che se vuoi cambiare il tuo essere tutto e possibile. Un’attrice che io amo molto e Giulia Michelini, ogni volta che guardo le sue puntate della serie squadra antimafia, mi trasmette mille emozioni, mi fa piangere sempre, penso che la prossima serie senza la sua presenza sarà inutile, io non la guarderò.

Ci parli dei tuoi ultimi lavori e dei lavori in corso di realizzazione? A cosa stai lavorando in questo momento?

Ultimi lavori importati sono: rivista francese Le magazine. Take the flight rivista italiana. Stilista Antonio Oliver. Uscita sul giornale milanese: milano free.it. Antonio Oliver sfilata, celebrity style. Ho lavorato per Vogue parrucchiera con la titolare Isabella Corrado, e con acconciatura Roberto Petroccia celebrity style eventi parrucchieri. Ho lavorato con Lucia Helena Ribeiro, con l’attore Niele Savioma, dove sono stata scelta per il suo prossimo film che si chiama la moda sposa il cinema.

I tuoi progetti futuri? Cosa ti aspetta nel tuo lavoro e nella tua professione che puoi raccontarci?

Per il futuro spero di riuscire a condurre un programma televisivo, un programma televisivo tutto mio, che si chiama Guardare la moda in modo diverso, cioè guardare la donna in modo diverso.

Come vuoi concludere questa nostra chiacchierata e dove potranno seguirti i nostri lettori?

Grazie mille per il tempo che mi avete dedicato. I lettori potranno seguirmi nella mia pagina ufficiale Facebook Lolita mora

Anna Marinescu

https://www.facebook.com/anna.marinescu.52

https://www.instagram.com/anna_marinescu_/