In questi giorni il tempo è riflessione, deserto interiore.

0
463
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

di Chiara Bentivegna

In questi giorni il tempo è riflessione, deserto interiore. Il dialogo con la nostra anima diventa più intenso e frequente. Nasce l’esigenza di confronto, con il passato, con il presente, con chi ci è vicino, con chi appartiene al passato. Così succede che si apra un varco temporale di empatia, che si cresca dentro la vertigine, in verticale, “nani sulle spalle di giganti”.

WhatsApp

[18/3, 00:48] Federica:

Prof, mi dispiace troppissimo scriverLe a quest’ora, però sono certa che domani mattina vedrà quanto le scrivo. Ultimamente da quando abbiamo studiato e analizzato Pirandello e il suo pensiero, riesco a guardare intorno a me ed a cogliere minimi particolari che forse prima bypassavo. In base un po’anche a quello che mi sta accadendo in quest’ultimo periodo, mi ritrovo spesso nelle righe e nei pensieri di scrittori passati. Questa sera, la mia attenzione si è focalizzata su una frase: “Ricordati che se ti nascondi dietro a tante maschere, alla fine scoprirai di non esistere.” Apparentemente ho colto il significato, poi mi sono soffermata ed ho come percepito l’infinito dentro ad un periodo finito. Non so se mi spiego, un abisso nella parola esistere. E praticamente ho perso il sonno perché sono presa da questa frase. Lei che senso darebbe? O meglio, il senso è dato dalla soggettività? Non so il perché Le stia scrivendo ciò, però so che quando parlo con lei, mi sento compresa.❤

 

[19/3, 05:24] Chiara:

Buongiorno Federica. Spero tu abbia il telefono in silenzioso. Non devi scusarti per avermi scritto. Puoi scrivere quando vuoi. (Solo non potrò rispondere – quindi risolvere- immediatamente.) Ti rispondo con due considerazioni. La prima. Esistere nella sua etimologia: essere nella realtà, ovvero exsisto ( lat.) = vengo fuori, divento. C’è stata anche una corrente esistenziale in letteratura ma è un po’ presto per anticipare. La scoperta della falsità della maschera è invece – a mio parere- anche una possibilità. Pirandello negava la Verità perché tutto è relativo. In realtà è proprio nel relativismo che si costruisce la Verità se osservata da più angolazioni. Ma non ti ho ancora risposto. L’aver scoperto la maschera che è borghese e condizionata dal giudizio, l’aver scoperto che non c’è niente di perfetto e assoluto ci dà una possibilità concreta: scoprire giorno per giorno la bellezza di nascere fuori dal giudizio, dal nostro stesso giudizio. Ecco essere, stare al mondo con la necessità di confermare ogni giorno, fuori dal giudizio, la propria necessità e appartenenza all’Universo. Ne parleremo trattando Ungaretti. Il trucco dell’Esistere sta nello sfuggire alla definizione, alla collocazione. Si è, punto. Si vive solo se “in armonia”

 

 

Previous articleCon i “100 fotografi per Bergamo” l’arte fotografica diventa solidale.
Next articleUna donna alla ricerca esasperata della bellezza: “La bigliettaia”
Chiara Bentivegna
Chiara Bentivegna vive e lavora a Catania come docente di lettere negli Istituti Secondari Superiori. Diplomatasi attrice presso la Scuola Triennale di Avviamento al Teatro "Umberto Spadaro" del Teatro Stabile di Catania è laureata in Lettere. Numerosi gli stage frequentati nel corso di questi anni soprattutto con l'Odin Teatret. Ha conseguito il master in "Comunicazione Linguaggi Non Verbali" presso l'Università Cà Foscari di Venezia, psicomotricità, musicoterapia, performance. Numerose le produzioni teatrali a cui ha preso parte nel corso di questi anni. Ha pubblicato presso la casa editrice "Libroitaliano - Editrice Letteraria Internazionale" il volume dal titolo "Il canto XVI del Purgatorio: Storia della critica, e di recente, Cinquantadue settimane e frammenti dell'anima, una raccolta di haiku, per l'editore kimerik. Ha lavorato come documentalista presso il CBD (Centro Biblioteche e Documentazione) dell'Ateneo di Catania dal 1999 al 2004 e collaborato con la rivista Burioni. Ha scritto per "Animazione ed Espressione - Tempo sereno" dell'Editrice La Scuola. Oltre a svolgere la professione di docente di Lettere, insegna recitazione presso la scuola di musical ArtesTre. Chiara Bentivegna https://www.facebook.com/haikueretici/ https://www.instagram.com/chiara.benti/ https://www.kimerik.it/Autori.asp?Azione=Dettaglio&Id=11934