25 Aprile | di Mariella Di Mauro

0
274
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

di Mariella Di Mauro

Il 25 aprile in Italia si celebra la festa della Liberazione dal regime fascista e dall’occupazione militare tedesca dell’esercito nazista, avvenuta nel 1945, anche se la fine della Seconda Guerra Mondiale venne di fatto formalizzata qualche giorno dopo, il 29 aprile. Il documento che attesta il termine della Campagna d’Italia dei tedeschi e la resa incondizionata dei soldati di Salò acquisì efficacia il 2 maggio dello stesso anno. La data del 25 aprile è stata scelta convenzionalmente come giornata di Festa nazionale perché in quel giorno, nel 1945, iniziò la ritirata da parte dei soldati della Germania nazista e di quelli fascisti della Repubblica di Salò da Torino e Milano.

. Al concetto del 25 Aprile è legato il concetto di Resistenza che molti italiani a costo della loro vita svolsero. La Resistenza fu messa in atto dalle gesta di contadini, studenti, intellettuali, operai, e tutti gli italiani che hanno lottato per liberare il Paese dal regime nazifascista. Tante le storie e le testimonianze delle gesta di queste persone. Importante in questo momento storico l’intervento tra i partigiani delle donne che si sono spese per la libertà del nostro paese a costo, spesso, della loro vita. La Resistenza delle donne, però, non è stata uguale a quella degli uomini e per molto tempo è rimasta nascosta e avvolta nel silenzio. Le foto delle partigiane con il fucile oggi sembrano scontate, ma per anni sono state bloccate. In alcuni casi a molte donne che avevano realmente combattuto nelle brigate partigiane in montagna venne chiesto di non sfilare e dopo la Liberazione la maggior parte degli uomini considerò naturale rinchiudere nuovamente in casa le donne.