“Il cinema contro il coronavirus” by Sly production srl di Caserta | di Eugenia Tamburri

0
558
Eugenia Tamburri
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Lo Stay at Home (coronavirus + emergency) Film Festival propone una competizione cinematografica online, organizzata dalla Sly Production s.r.l., da un’idea del Liceo Pietro Giannone di Caserta e del Comitato Regionale Asi (Associazioni Sportive e Sociali Italiane) della Campania. L’iniziativa è supportata dal Panathlon Club Caserta e dal Rotary Club Luigi Vanvitelli.

Nell’ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (PCTO, ex ASL – Alternanza Scuola Lavoro), tra la casa di produzione cinematografica Sly Production s.r.l. di Silvestro Marino e gli allievi del Liceo Classico di Caserta nasce l’iniziativa di un concorso che si propone di accrescere le competenze nel linguaggio audiovisivo e nella produzione cinematografica. Ricordiamo che i PCTO consentono a tutti gli studenti del secondo biennio e dell’ultimo anno delle Scuole Secondarie di II grado di affrontare percorsi esperienziali legati al mondo del lavoro e di orientamento accademico-universitario.

Gianrolando Scaringi, direttore del Festival, commenta l’evento: “L’emergenza coronavirus sta mettendo in ginocchio l’Italia, l’Europa ed il mondo. In questa situazione il cinema può diventare non solo un’occasione di impegno e distrazione ma l’opportunità per avvicinare ognuno all’altro, creando nuove occasioni di confronto e di opinione, anche se dal divano di casa. La scelta di promuovere un festival è stato un azzardo in un periodo in cui tutte le competizioni cinematografiche più blasonate stanno rinviando le proprie date ma la risposta è stata ed è più che positiva”.

Attraverso la piattaforma FilmFreeway (https://filmfreeway.com/sahff) preposta all’invio delle iscrizioni, il Festival ha ricevuto 1010 film provenienti da 78 Paesi: Afghanistan, Algeria, Argentina, Australia, Austria, Bangladesh, Belgium, Bielorussia, Bolivia (Plurinational State of), Brazil, Bulgaria, Canada, Chile, China, Colombia, Croatia, Cuba, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Egypt, Ethiopia, Finland, France, Germany, Greece, India, Indonesia, Iran (Islamic Republic of), Ireland, Israel, Italia, Korea (Republic of), Lebanon, Lithuania, Macao, Malaysia, Malta, Martinique, Mexico, Marocco, Myanmar, Netherlands, New Zealand, Pakistan, Peru, Poland, Portugal, Romania, Russian Federation, Serbia, Slovenia, South Africa, Spain, Sri Lanka, Sweden, Switzerland, Taiwan, Tunisia, Turkey, Uganda, Ukraine, Unitede Kingdom, United States.

A decretare i vincitori sarà una giuria di professionisti del cinema, della comunicazione, dell’istruzione e della ricerca. Sei le categorie, a tema libero: film lungometraggio di finzione (superiore ai 40 minuti), lungometraggio documentario (superiore ai 40 minuti), lungometraggio di animazione (superiore ai 40 minuti), film cortometraggio di finzione (massimo 40 minuti), cortometraggio documentario (massimo 40 minuti), cortometraggio di animazione (massimo 40 minuti); una categoria speciale: cortometraggio realizzato in casa durante l’emergenza coronavirus (massimo 40 minuti); quattro premi speciali (con apposita giuria scientifica di settore): miglior film a tema medico, miglior documentario a tema medico, miglior film a tema sportivo e miglior documentario a tema sportivo; premi del pubblico (assegnati attraverso votazioni online): al miglior lungometraggio e al miglior cortometraggio. I materiali inviati saranno conservati presso gli archivi del Festival. La partecipazione al concorso autorizzerà l’uso gratuito dei film a fini didattici e promozionali, pur non rappresentando cessione dei diritti dei propri elaborati.

“Non è stato facile rinunciare al set di un documentario con i ragazzi del Liceo Giannone così come non lo è mai rinunciare ad un set. Abbiamo provato ad immaginare il cinema non solo come una finestra per raccontare la migliore realtà ma un’occasione per fare la realtà migliore, riflettendo sul bello e buono del nostro mondo ma anche sugli errori da non ripetere. La proposta del Festival ha premiato l’intuizione e l’impegno e li sta premiando quotidianamente. Caserta è l’unica che deficita, tra le città d’arte, di un vero festival cinematografico che ne celebri le bellezze e questa può essere una non indifferente occasione di crescita”, così il titolare della Sly Production s.r.l., Silvestro Marino.

I film saranno proiettati online, attraverso una pagina Facebook dedicata all’evento (https://www.facebook.com/sahfforg), secondo un calendario che sarà reso noto anche a mezzo Instagram (https://www.instagram.com/sahfforg). Il concorso non prevede tassa d’iscrizione, non essendo al momento previsti premi in denaro. La premiazione dovrebbe svolgersi il prossimo 31 ottobre 2020 presso il Duel Village Cinema Teatro Multisala della città di Caserta, stando all’evolversi dell’emergenza covid-19. Per i dettagli, consultare il sito del Festival https://sahff.org.

Eugenia Tamburri