“Cuori infettati di solitudine” | legge Paolo Massaria | Attore | Testo di Rossana Lo Giudice

0
1469
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

“Cuori infettati di solitudine”

Voce e interpretazione di Paolo Massaria:

https://www.facebook.com/paolo.massaria

Autore: Rossana Lo Giudice

https://www.facebook.com/rossana.logiudice

https://www.facebook.com/rossanalogiudiceartista/

Durata video-clip: 00:47 minuti

da YouTube: https://youtu.be/GZEocS66aPY

INFO E CREDIT:

Immagini tratte da:

DK-Aerial: Palermo, Sicily by drone – DJI Mavic 2 Pro | Sicily Travel

https://youtu.be/ywuVe6T2P2E

Musica di:

Massimo Agostinelli plays Andrew York: Home

https://youtu.be/AkPGAP9LTWE

Hashtag:

#cuoriinfettati #sospiridellanima #rossanalogiudice #paolomasseria #venezia #trieste #palermo #sicilia

 

Previous articleGermana Fabiano, scrittrice e docente di Politica Internazionale e Diritti Umani | INTERVISTA
Next articleOceano di Sensi – Romanzo fiction di Maria Teresa De Donato – Recensione della Prof.ssa Mila Nardelli
Rossana Lo Giudice
Tenterò di raccontarmi in poche righe! Non so se ce la farò essendo prolissa, senz’altro eviterò di tediarvi riportando per intero il mio Curriculum Vitae! Ho un percorso di studi universitario in campo pedagogico. Sono un’artista eclettica: poeta, scrittrice e musicista. Diplomata in pianoforte al Conservatorio, coltivo altre passioni quali la recitazione, il disegno e la fotografia. Amo l’arte nella sua ineffabile bellezza e poliedricità delle sue espressioni. Scrivo sin da quando ero piccina. Sono una famelica di scrittura: quando la penna guizza sulla carta mentre dita ballerine ne accompagnano il movimento come fosse danza di farfalle, ne sono ben felice. Sempre pronta a catturare emozioni per destarne altrettante a chi mi legge. Cammino sovente con un taccuino in borsa per annotare ciò che scalfisce la mia attenzione, che solletichi la mia ispirazione; “fotografando” squarci di quotidianità. Emozionarmi per emozionare è il mio “modus operandi”. Amante della mia Sicilia e studiosa delle sue tradizioni popolari da alcuni anni mi sono pure cimentata nella scrittura dialettale: fra canti, cunti, novelle e pujsie! Sovente collaboro artisticamente con attori prestigiosi i quali si prestano alla lettura dei miei testi. Amo definirmi un “cantastorie”, un menestrello che intrattiene a corte. Un giocoliere di parole. C’è poi un aspetto di me più intimo e profondo che esprimo attraverso quelli che chiamo “sospiri dell’anima”. Qui racconto il mio microcosmo interiore: le gioie, le lacrime ,le inquietudini e i malumori dello spirito. La mia ineluttabile voglia di scrivere qui diviene un vero canto dell’anima!