“Evviva la nostra Repubblica” | di Meri Lolini

0
277
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Oggi è il 2 giugno e come ogni anno si festeggia la nascita della Repubblica Italiana. Con il referendum del 2 e 3 giugno 1946 gli italiani  e le italiane scelsero di dare all’Italia la forma di stato di Repubblica. Era terminata la Seconda guerra mondiale e per la prima volta in una consultazione politica nazionale votavano anche le donne. Risultarono votanti circa 13 milioni di donne e 12 milioni di uomini. Questo segnò un cambiamento importante sia per la tipologia dei votanti che per forma dello stato, che passò da monarchico a repubblicano. Alcide De Gasperi  assunse le funzioni di capo provvisorio dello Stato e l’ex Re Umberto I lasciò l’Italia ed andò in Portogallo. Il voto alle donne ed il riconoscimento del Suffragio Universale si ebbe con il decreto 23 del 2 febbraio 1945. Con questa festa ogni anno si celebra un cambiamento importante. Anche quest’anno c’è un cambiamento importante. Infatti siamo ancora in pandemia e abbiamo delle regole da seguire per contenere e far abbassare il contagio. Per questa condizione le Frecce Tricolore hanno volato sui cieli delle città italiane, per ricordarci che abbiamo uno Stato forte, che sta facendo del suo meglio, per far fronte a questa emergenza sfaccettata. Infatti è stata prima emergenza sanitaria ed ora sta assumendo delle sembianze sia come sociale che fortemente economica. Il sistema sanitario è molto impegnato e tutti i suoi operatori sia medici che infermieri si sono prodigati senza sosta, dimostrando il grande valore della sanità pubblica. Gli studi sia sul farmaco che sul vaccino non si sono mai interrotti e continua la speranza che sia individuato il principio attivo di questo medicinale. Ci possiamo spostare attraverso tutto il nostro territorio nazionale, senza mai perdere di vista le regole di comportamento, per combattere il possibile contagio. L’Europa sta dimostrando la sua volontà di aiutare per superare questo momento terribile, che significa la possibilità di rinascere dopo questa catastrofe, che ha colpito ogni angolo del mondo. Dobbiamo avere l’orgoglio della nostra Repubblica Italiana, che con la sua democrazia ha la forza di dare voce a tutti ed ascoltare tutti. Mettiamo sempre al primo posto per la nostra evoluzione ed il nostro progresso la competenza e la conoscenza, che verranno impiegate per risollevarsi al meglio dopo questi mesi di grande crisi. Quindi :”VIVA L’ITALIA!”

Meri Lolini

 

Previous article“Oceano di Sensi” ǀ Romanzo fiction di Maria Teresa De Donato ǀ Recensione della Prof.ssa Mila Nardelli
Next articleDecreto Liquidità: UniCredit ha erogato finora oltre un miliardo di euro alle PMI italiane per finanziamenti fino a 25 mila euro
Meri Lolini
SHORT-BIO MERI LOLINI Sono nata a Massa Marittima (GR) e vivo dal 1977 a Firenze. Qui arrivai appena diplomata Perito Chimico ed iniziai la mia esperienza di analista chimico prima in laboratorio privato e poi per trent’anni in un laboratorio pubblico. Mi sono occupata del dosaggio dei microinquinanti organici sia in matrici alimentari che ambientali. Successivamente ho conseguito la laurea in Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Le passioni che mi hanno sempre accompagnata sono la chimica e la lettura. Dal 2019 sono pensionata. Nel 2014 ho iniziato a scrivere libri che ad oggi sono otto ed una commedia. Questi sono i testi pubblicati: Una goccia nel mare dalla casa-famiglia alla famiglia, ed. Harmakis (gennaio 2014); La passione colora la vita - per non smarrirsi nelle strade buie della depressione, ed. Harmakis (gennaio 2015); Non ci sono più le rondini? Una donna, una storia, ed. Aracne (dicembre 2015); Scegliamo consapevolmente - i tanti aspetti del cibo, ed. Aracne (ottobre2016); Sognando la pace, ed. Aracne (marzo 2017); Parliamo di rifiuti Tipologie Classificazione e Trattamenti, ed. Aracne (ottobre 2017); Il mostro vorace, ed. Aracne (gennaio 2018). Ho conseguito anche dei premi letterari: Attestato al Premio letterario “Caffè tra le nuvole”. Finalista al Premio Letterario IX edizione Casa Sanremo Writers. Una vipera in corpo, ed. Aracne (agosto 2019). Alla luce, commedia teatrale, in collaborazione con Giulia Romolini per la trasposizione teatrale del racconto. Terzo Premio al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 19 ottobre 2019. Dal 2016 scrivo articoli su Class24 che è una rivista online di Orbassano (TO). Di recente ho redatto alcune recensioni a libri pubblicati da altri scrittori italiani. Meri Lolini https://www.facebook.com/meri.lolini http://www.aracneeditrice.it/index.php/autori.html?auth-id=375428