CASO PITZALIS/PIREDDA: QUANDO IL “CORO DA STADIO” NON AIUTA LA GIUSTIZIA

0
934
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

E’ di ieri la notizia della richiesta di archiviazione formulata dal PM Gilberto Ganassi per l’indagine aperta a carico di Valentina Pitzalis.

Non entro nel merito delle motivazioni del PM, in parte a me non note, ma di certo possiamo dire che l’iter non è terminato, passando ora nelle mani del GIP, il quale dovrà prendere la decisione finale, sulla base (anche) delle argomentazioni che verranno presentate dai legali dei genitori del Piredda.

Il PM, infatti, è una delle tre parti, tutte paritetiche, avanti il giudice terzo e super partes.

Che una di esse (che sia la pubblica accusa poco cambia) chieda l’archiviazione del procedimento, e l’altra vi si opponga, sta nel gioco del contraddittorio intellettualmente onesto.

Quel che stupisce è il coro da stadio che si è sollevato subito dopo la notizia, con siparietti da “totocalcio” su chi è stato più bravo ad indovinare questo “epilogo”, sicuri che questo sarà l’epilogo.

Addirittura un avvocato (per giunta penalista!) ha scritto che “suvvia, manca solo un timbro”, seguito da una sua assistita  che ha approvato.  Come se il GIP fosse nulla di più che una longa manus del PM. Ora “molte persone dovranno essere riportate alla realtà”. Addirittura uno “ve lo starebbero portando in tandem” due persone. E queste sono le frasi meno “focose” che abbiamo avuto modo di leggere. Mi verrebbe da chiedere a queste persone se hanno il coraggio di fare il nome di colui che “in tandem” stanno portando alla realtà, ma, ovviamente, la risposta sarebbe  la solita: “E’ una frase goliardica e di sfogo e chi vi si vede inserito soffre di delirio di persecuzione, perché non è il mondo che gira attorno a te ma sei tu ad avere la labirintite, e se io urlo demente per strada e tu ti giri i problemi sono tuoi”. Frasi che abbiamo del resto già sentito in contesti similari.

Il codice di procedura penale ricorda bene, invece, che ora la palla passa al GIP il quale dovrà attentamente valutare la richiesta del PM e la richiesta della controparte.

Essere garantisti, e non “innocentisti vs colpevolisti”, oggi, diventa mandatario più che mai.

Anche perché, ricordiamolo, che stiamo parlando di una tragedia, tragedia che non si tramuta in favola a lieto fine se Valentina andasse a processo e venisse condannata, motivo per cui, tale resta anche se Valentina vedesse definitivamente archiviata la sua posizione.

Sul campo di questa guerra resta solo dolore, dolore per chi ha perso un figlio, dolore per chi è rimasto sfigurato dal rogo.

Nel leggere il comunicato, diffuso ieri, degli avvocati Marcialis e Locci, pare che gli elementi a favore di una archiviazione possano essere definiti un “colosso dai piedi di argilla” in quanto “a prescindere dai dati inconfutabili emersi nel corso dell’incidente probatorio, che depongono per un quantomai necessario vaglio processuale della vicenda, deve essere chiarito che la difesa dei signori Piredda-Mamusa è in possesso di numerosi ed importanti elementi che si pongono in netto contrasto con la richiesta di archiviazione”. Ancora: “Tali nodali dati fattuali e documentali, che confluiranno nell’atto di opposizione all’archiviazione e che visto il peso difensivo non possono essere ancora rivelati, serviranno per fugare una volta per tutte la necessità che le accuse mosse nei confronti di Valentina Pitzalis possano finalmente essere portate sub judice”.

Continuano gli Avvocati: “E’ utile ricordare che la richiesta di archiviazione è sovente un necessario step prima di arrivare al processo. Difatti si ricorda, a mero titolo informativo, che anche nel procedimento penale che vede la signora Roberta Mamusa accusata di diffamazione a mezzo facebook nei confronti della Pitzalis e per il quale a suo tempo VENNE CHIESTA L’ARCHIVIAZIONE, SI TROVA ATTUALMENTE IN FASE DIBATTIMENTALE”.

Credo che questa ultima considerazione, lungi dal dimostrare un ruolo passivo del GIP di fronte al PM, dovrebbe suggerire a tutti gli appassionati di cronaca giudiziaria un atteggiamento GARANTISTA.

Non stiamo scommettendo su chi vincerà il campionato tra le prime due squadre in classifica, stiamo parlando di altro.

Che serva da riflessione.