Janfer Critelli: Per una nuova alba di primavera… Da “L’ira funesta dell’8 marzo” | di Daniela Cavallini

0
577
Janfer Critelli e Daniela Cavallini
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

“Dignità violate tra amore malato, indifferenza ed indole omicidiaria”

Amiche ed Amici carissimi, tutti dichiariamo con toni intrisi di apparente rassegnazione all’impossibile, il desiderio di un mondo migliore, tuttavia è sensibilità di pochi eletti prodigarsi per elevarlo.

Già… molto più facile criticare scegliendo la comoda via della superficiale strumentalizzazione,  a giustificazione del “non fare nulla perché tanto…”.

È constatabile quanto tale concezione – “non fare nulla perché tanto…”- costituisca per molti un vero e proprio stile di vita, derivante da un atteggiamento mentale rinunciatario – inconsciamente autoalimentato -,pericolosamente autorizzante  l’adagiarsi sugli allori. 

Tuttavia, se abdicare all’idea di profondersi in nome di un ideale, può costituire una protezione alla propria zona di comfort, cui non tutti sono in grado di rinunciare, credo sia oggettivamente deplorevole per gli stessi, biasimare manifestando ridondante disfattismo.

Se “adoperarsi per un mondo migliore” è un’espressione che rimanda all’astratezza di un teorizzato collettivo, penso che, più concretamente, l’applicazione di regole civili di comportamento – altrimenti note come educazione! – ne costituisca la base alla portata di tutti.

Già… “educazione”… sospiro mestamente nel pensare agli esempi prettamente antitetici somministratici quotidianamente da parte di taluni che avrebbero il dovere di costituire l’emblema della civiltà. Scontato, ma inevitabile, il riferimento ad alcuni (troppi!) programmi televisivi, nel cui ambito si giunge persino alla violenza, non sempre “solo” verbale.

Dalla dilagante maleducazione, all’intolleranza per giungere alla famigerata violenza, il percorso è davvero breve. Un’ escalation che bombarda l’inconscio al punto da renderci indifferenti spettatori anche a fronte di notiziari riferenti omicidi.

In tema di violenza, mi sono più volte espressa, con riferimento alla tragedia dei femminicidi, pubblicando articoli ed interviste ad illustri Professionisti, pertanto, quando ho appreso che il caro Amico Avv. Franco Critelli – in arte Janfer – ha recentemente pubblicato il suo nuovo libro intitolato “L’ira funesta dell’8 marzo” contenente un messaggio che lui ama definire “universale primo ed ultimo: basta alle violenze sulle donne, per una nuova etica!” l’ho invitato a parlarne con noi.

 

Daniela Cavallini:

Benvenuto Franco (all’anagrafe), grazie per aver accettato il mio invito. Innanzitutto tengo a riferire che il tuo nome d’arte – Janfer – con il quale ti firmi, è legato alla tua personalità eclettica. Sei stato definito un Fuoriclasse: Giurista maledettamente creativo, geniale; Penalista illuminato dalla Luce del Dio del Bene; Scrittore – Poeta; Operatore Benemerito Internazionale con mente eclettica di natura Rinascimentale. Avvocato “Leone di strada”, al servizio della “Iusticia Iusta”, contro ogni forma di corruzione! Sic!

Lapalissiano il tuo impegno sociale, ora particolarmente concentrato in difesa delle Donne, tanto da aver pubblicato un libro dal quale si evince il tuo amore per la Donna – che definisci come “crescita che ha generato dono” -, unitamente alla  competenza dell’Avvocato difensore giurista dei diritti umani…

Avv. Janfer Critelli:

Il testo ispirato dalla Luce e da una lunga fatica di profonda ispirazione ( breve saggio assorbente di 130 pagine come piace a me perché il troppo storpia ed appesantisce…) contiene cenni di tipo innovativi antropologici, criminologici, psicologici e di diritto “sfregio del viso come omicidio all’identità” come fattispecie penalistica gravissima finanche ho citato in chiosa la novella legge del codice rosso (appena fatto in tempo per il giusto inserimento).

Nella specie, parto dalla mia esperienza di uomo maschio con la donna, fin dalla giovinezza come crescita che “ha generato dono”. Con la parte professionale come professionista (avvocato difensore giurista dei diritti Umani) dove ho ascoltato e difeso tante anime sofferenti. 

Insomma, un elaborato di Legalità intesa come meritocrazia e Giustizia Giusta, invocata con la forza del Diritto, ispirato Dono figlio della mia concezione autentica e genuina di vedere l’8 marzo come Festa della Donna nella versione storica, con dei duri moniti verso la Rinascita della Femminilità, intesa come persona Umana piena di dignità e non come oggetto, per l’augurata Nuova Alba di Primavera.

Daniela Cavallini:

“L’augurata Nuova Alba di Primavera” è un’espressione che ripeti spesso…

Avv. Janfer Critelli: 

Sì, cara Dany, come hai potuto leggere e notare ho espresso il mio pensiero libero e genuino su di una tematica che ho affrontato anche come assorbente e breve testo saggio. Sempre in Rinascita, appunto, per una nuova Alba di primavera dove i Bambini torneranno a sorridere per le vie del mondo e gli Uomini ad esistere come Fratelli, all’insegna dell’Amicizia come dono, nel Dio del Bene e della Speranza.

Daniela Cavallini:

Ti definisci “l’avvocato degli Ultimi”, invochi la fratellanza… dalle tue parole emerge un’importante contestualizzazione religiosa.

Avv. Janfer Critelli: 

Avvocato degli ultimi perché ho scelto deliberatamente di stare dalla parte dell’essere e del bisognoso contro ogni forma di stortura. Ognuno di noi nasce con una predisposizione che può crescere o annientarsi nel corso del cammino, dipende da tante circostanze… come un fiore in un giardino va annaffiato e coltivato.

Non importa la pratica religiosa di tipo formale: ciò che conta e’ l’applicazione del Vangelo come Libro dei Diritti Umani, nella sostanza delle cose… per l’effetto aiutare l’indifeso anche con un sorriso e’ Vangelo di vita come Stella Polare, per l’affermazione dei Diritti degli Esseri Viventi contro ogni forma di sopraffazione!

Daniela Cavallini:

Più che un libro, definirei “L’ira funesta dell’8 marzo”un prezioso estratto esortativo al rispetto.

Un’ultima informazione: “L’IRA FUNESTA DELL’8 MARZO” che è già acquistabile effettuando l’ordine al sito www.booksprintedizioni.it, inviando una mail a ordini@booksprintedizioni.it oppure telefonando al n. 0828951799, è disponibile anche in libreria.

Caro Janfer, che dirti se non grazie ed augurarti ogni bene?!

Avv. Janfer Critelli:

grazie a te aggraziata amica Dany carissima dal cuore grande ed Illuminato dal Dio della Rinascita che hai inteso ospitare il mio libro presso la pregiata rivista MOBMAGAZINE di primo livello culturale. Con il fervido augurio che il messaggio universale lanciato con respiro planetario come denuncia sociale sia recepito da tutti appunto (a livello mondiale), per costruire insieme Uniti, la città del Sole e dell’Amore, contro ogni forma di violenza, per un presente migliore.

 

Daniela Cavallini