“Una storia straordinaria” di Diego Galdino | Recensione di Anna Profumi

0
234
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

«Luca e Silvia sono due ragazzi come tanti che vivono vite normali, apparentemente distanti. Eppure ogni giorno si sfiorano, si ascoltano, si vedono. I sensi percepiscono la presenza dell’altro senza riconoscersi. Fino a quando qualcosa interrompe il flusso costante della vita: Luca perde la vista e Silvia viene aggredita in un parcheggio. La loro vita, sconvolta, li porta a chiudersi in un’altra realtà e il destino sembra dimenticarsi di loro. Eppure, due anni dopo la loro grande passione, il cinema, li fa conoscere per la prima volta e Luca e Silvia finiscono seduti uno accanto all’altra alla prima di un film d’amore. I due protagonisti, feriti dalle vicissitudini degli eventi passati, si ritrovano, così, loro malgrado, a vivere una storia fuori dall’ordinario. Ma l’amore può essere tanto potente da superare i confini dei nostri limiti e delle nostre paure? E il destino, quando trova due anime gemelle, riesce a farci rialzare e camminare insieme?»

Questa in sintesi la trama del libro di cui vado a parlarvi oggi e che potrei definire “una favola moderna, dove l’Amore, quello con la A maiuscola, trionfa a dispetto di tutte le difficoltà  iniziali.”

Luca e Silvia, i due protagonisti, sono ragazzi come se ne incontrano tanti al giorno d’oggi, costretti da una serie di tragiche esperienze a reinventarsi, e non senza difficoltà, per ricostruire il percorso  bruscamente interrotto. Storie diverse, che per uno strano gioco del destino, incroceranno e accomuneranno le loro scelte di vita.

In un mondo così materialista, dominato dai media e dalla concezione consumistica dell’usa e getta, facciamo la conoscenza di personaggi che ci sembrano usciti da un romanzo d’altri tempi, dove l’incarnazione dei buoni sentimenti trova la sua sintesi nel bene trionferà sul male.

Forse, questo modo di ragionare a molti di noi può sembrare anacronistico, lontano anni luce dalla quotidianità e dagli stereotipi cui siamo abituati. Che dire? La vicenda è a mio avviso un tantino patinata, ma l’unicità del messaggio, sta proprio in questa concezione al di fuori da ogni logica post moderna.

Le pagine sono intrise da dialoghi e citazioni di vecchi film prese a prestito qua e là, molte anche le frasi poetiche, quasi a voler supportare le dinamiche dei personaggi stessi e renderli più credibili.

A dispetto della sua reale cecità, Luca riuscirà a vedere i volti delle persone care che gli vivono accanto in una sorta di quotidiana normalità, ed i suoi occhi inventeranno sfumature sublimate dall’attrazione che prova per Silvia, che a sua volta si innamorerà di lui.

Diego Galdino, si trova a suo agio nello scrivere Una Storia Straordinaria, così come  nella scelta e nella descrizione delle bellissime ambientazioni romane, una delle cose che ho maggiormente apprezzato del libro.

La tecnica narrativa è propria dello “show don’t tell”, che come sappiamo, è un’espressione stilistica utilizzata dagli scrittori che fanno un uso eccessivo di spiegazioni e commenti, a discapito dell’azione e dei dialoghi.

Per concludere: se avete voglia di leggere una storia lieve, che vi riconcilia con la vita e i buoni sentimenti, ecco il romanzo che fa per voi.

Anna Profumi

 

Diego Galdino, “Una storia straordinaria”, Leggereditore ed., 2020

https://www.amazon.it/Una-storia-straordinaria-Diego-Galdino/dp/8833750779

 

 

Previous articleRiparte la Scuola Popolare di Musica della Fondazione The Brass Group
Next article“La Sciantosa e ‘u teatrinu” | di Rossana Lo Giudice
Anna Profumi
SHORT-BIO | ANNA PROFUMI Mi presento. Sono romana di nascita, ma genovese di adozione, poiché poco più che bambina mi trasferisco assieme alla mia famiglia nel capoluogo ligure, dove completo tutti gli studi superiori e successivamente intraprendo la mia attività lavorativa. Appena diplomata in lingue estere svolgo mansioni di interprete in una società di navigazione e successivamente presso la IP Sezione Chimica. Dopo qualche anno sono assunta da una multinazionale americana con la qualifica di Segretaria di Direzione, a stretto contatto con le varie società estere ed i più importanti clienti italiani del polo chimico. Terminati gli impegni d’ufficio, dopo aver usufruito di un pensionamento anticipato, mi iscrivo alla Facoltà di Lettere e Filosofia della mia città, che frequento per approfondire le mie conoscenze in campo umanistico. Le passioni di una vita? La letteratura, la poesia, l’arte in tutte le sue forme e la cultura in generale. Da qualche anno a questa parte, riscopro la passione di sempre, il piacere della scrittura, e pubblico con la casa editrice Salvatore Monetti di Battipaglia, ben quattro romanzi. Il primo, edito nel 2016 è intitolato “Geisha”. I successivi nell’ordine, sempre per Monetti Editore sono stati: “Una donna, una Regina”, biografia storica di Maria José di Savoia, ultima regina d’Italia, “L’Inganno” romanzo dell’aprile 2017. “Il filo di Arianna” uscito nel novembre 2017, and last but not least “Il Dubbio”, pubblicato nell’aprile del 2019. Alterno l’attività di scrittrice, con la recensione di libri, e pubblico periodicamente come blogger articoli su alcune riviste sul web. Da quasi cinque anni amministro un gruppo culturale molto seguito su Facebook che conta migliaia di iscritti e conduco una pagina personale sul web dove posto riflessioni, brani, poesie, citazioni, etc., interagendo con tutti i miei numerosi amici. Recentemente ho anche creato una pagina autore intitolata “La voce del cuore”, che contiene brani e recensioni dei miei libri. Qui di seguito tutti i link relativi ai miei profili su in rete. Anna Profumi: https://www.facebook.com/groups/marionanna/ https://www.facebook.com/profile.php?id=100009082468091 https://www.facebook.com/profile.php?id=100009082468091