Ascoltare il Mondo… per poterlo raccontare – Intervista a Vinicio Salvatore Di Crescenzo – di Maria Teresa De Donato

0
166
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

 

I socials sono una grande opportunità ai nostri giorni, soprattutto quando usati onestamente, con uno spirito di empatia, solidarietà umana e condivisione.

Questo è lo spirito con cui io personalmente li approccio e sono felicissima quando mi imbatto in anime altrettanto sensibili, colte, intelligenti ed oneste intellettualmente. Non perché mi consideri speciale, ma perché credo che tale attitudine e tale spirito favoriscano ed incoraggino la creazione di rapporti umani, professionali ed anche amichevoli sani e costruttivi, basati sul rispetto, sulla stima reciproca e su una veduta comune che in qualche modo contribuisce alla formazione di una Mondo migliore.

Questa è stata la mia esperienza con tantissimi colleghi, autori, scrittori, poeti, artisti e non solo con cui sono entrata in contatto, alcuni dei quali ho ospitato ed ospiterò ancora in questo mio Salotto Culturale Virtuale.

Tra i numerosi volti che hanno contribuito ad arricchire la mia vita umanamente, spiritualmente e culturalmente, c’è sicuramente Vinicio Salvatore Di Crescenzo che ho l’onore di considerare collega ed amico e che vi presento oggi.

MTDD: Ciao Vinicio e Benvenuto in questo mio Salotto Culturale Virtuale. Grazie per essere qui con noi.

VSDC:  Grazie a te per la gentile ospitalità.

 

MTDD: Vinicio, perché non inizi con il presentarti ai nostri lettori parlandoci di chi sei, da dove vieni, studi ed esperienze professionali e non, o qualsiasi altra cosa ti senti di condividere con il nostro pubblico?

VSDC: Con piacere Maria Teresa. Mi ritengo essere anzitutto un ambizioso cercatore di emozioni dentro questo meraviglioso mondo che ci ospita. Si, perché questa manifestazione, fra le massime espressioni del sentimento umano, non sempre giunge spontanea a farsi riconoscere, piuttosto siamo noi, attraverso l’uso della nostra sensibilità,  a darle un corpo e un giusto ruolo nella sfera intima e privata della nostra vita.  Sono nato a Fondi, un antichissimo comune in provincia di Latina, fondato –  pensate un po’ – addirittura nel IV secolo a.C., qualche decina di anni dopo Roma per intenderci e, seppur emigrato a Roma con la mia famiglia fin dall’età di circa dieci anni, mi sono sempre sentito fortemente legato e stimolato, soprattutto a livello artistico, dalla mia terra. Un territorio dalle effervescenti manifestazioni naturali dove convivono mare, collina, lago e montagna in un tripudio di colori intrisi di profumi dal tipico sapore mediterraneo. Ma è soprattutto, un territorio che ha visto crescere e maturare  i fratelli Giuseppe e Pasqualino De Santis, rispettivamente regista e direttore della fotografia. Pittori d’arte quale Domenico Purificato. Il poeta e scrittore Libero de Libero  e ancora,  personaggi del mondo dello spettacolo passato e presente che evito di elencare per motivi di spazio. Evidente quindi, che questo corollario di spunti naturali ricco e affascinante a cavallo tra mezzogiorno e centro Italia, ha stimolato ed esaltato molti dei tratti creativi individuali dei miei concittadini, e nelle più diverse discipline artistiche. Aggiungerei in questo contesto, che non è certo un caso, se gran parte dei miei componimenti sono riferiti soprattutto alla natura, pur se integrati da storie che riguardano cultura e società, abitudini e condizioni di vita delle famiglie che hanno caratterizzato la seconda metà del 900, in un’Italia in piena crescita economica. E tutto questo, senza mai perdere di vista il “mos maiorum”, le tradizioni e i costumi, cioè tipici degli antenati della mia terra, e che ancora oggi si potrebbe definire contadina.

 

MTDD: Sin dall’infanzia hai mostrato una particolare inclinazione verso le arti ad iniziare dalla Musica e dalla Pittura.

Vorresti parlarcene?

VSDC: La musica è da sempre il mio più grande amore dopo la poesia. Iniziai quasi per caso a studiarla poichè mio padre, stregato dalla fisarmonica, l’acquistò pur conscio che nessuno, almeno nell’immediato, potesse darle voce. Il mio primo insegnante di musica, era un componente del Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, al quale devo molto per come mi ha presentato e fatto conoscere il mondo della musica e del canto. Con lui, ho mosso i primi passi nel fantastico pianeta delle note, del pentagramma e del suono inteso come rifugio dei pensieri e della mente, continuando poi da solo e per molto tempo ancora con passione.  Fisarmonica, chitarra, organo e, per finire, pianoforte. Il mio approccio con questi strumenti musicali era spesso una sfida, la cui vittoria, era rappresentata dalla certezza di aver dato loro un’anima e una voce. Più in generale, ogni attività che implicasse una buone dose di inventiva e fantasia stimolava in me la voglia di progettare, di creare appunto. Proprio per questo, attratto anche dalla pittura che da sempre mi aveva incuriosito, frequentai la bottega di  un anziano pittore sabino dove appresi i primi rudimenti di quest’arte antica.  Sotto i suoi consigli, imparai a trattare colori ad olio, tele e pennelli, come fossero l’anima che dava vita alle immagini del mondo che volevo riproporre fedelmente così come “lette” dai miei occhi. La poesia e la pittura, due espressioni artistiche che ho sempre amato combinare: “La pittura è una poesia muta e la poesia è una pittura cieca”, così affermava Leonardo Da Vinci individuando nella fusione delle arti innovazione e fantasia. Forse proprio per questo trovo straordinariamente affascinante amalgamare queste discipline anche con la musica in un’unica espressione: una poesia dai colori vivi e da una musicalità che scorre lieve attraverso le parole.

 

MTDD: Complimenti per questo tuo interessantissimo percorso. In quale preciso istante della tua vita la Poesia ha fatto capolino e perché hai finito con il considerarla “La tua massima espressione creativa?”

VSDC: In realtà, pur dilettandomi anche in altre  discipline, ho sempre messo in primo piano la mia necessità più esuberante. Quell’attività che meglio riusciva a estrapolare dal mio mondo interiore sensazioni ed esperienze già vissute: la poesia.  Ho iniziato a scrivere in età adolescenziale perché volevo fissare sulla carta, attraverso l’analisi della mia coscienza, ciò che riuscivo a percepire. Sembrava quasi fosse una necessità impellente. Poi le parole. Quelle parole che si presentavano a dare corpo ad ogni mio pensiero e che correvano leggere lungo le righe sulla carta. Un’operazione fluida e appagante che si compiva quasi senza esitazioni. Scrivevo per me naturalmente, per rileggermi magari dopo qualche settimana o dopo qualche mese addirittura. E la magia di tutto questo stava nell’emozionarmi ogni volta che lo facevo, come fosse stata la poesia di un altro che mai avevo letto. Scrivevo per sana e semplice passione, senza pensarci troppo, come del resto facevano un po’ tutti quelli della mia età. Chi non possedeva un piccolo diario super segreto dove annotava i suoi pensieri più intimi e importanti? Ho capito che la poesia sarebbe diventata la mia fonte creativa che più di tutte poteva dare sfogo alla mia voglia di creare, nel momento in cui mi sono accorto che lo studio e la ricerca nel comporre versi, mi apparivano più semplici e spontanei. L’ho capito, quando creare immagini attraverso le parole utilizzando i lessemi più efficaci era diventato quasi un gioco, e la purezza dei pensieri il mio traguardo.

 

MTDD: So che all’attivo hai una vasta produzione letteraria. Cosa puoi dirci al riguardo?

VSDC: Nonostante abbia iniziato molto presto a scrivere poesie, non mi sono mai posto il problema se pubblicare o meno ciò che avevo prodotto in tanti anni. Ricordo che al contrario di molti, io scrivevo ovunque da ragazzo, sebbene sapessi che così facendo, molto sarebbe andato perso. Seminavo pezzi di carta contenenti frasi, pensieri e piccole poesie in giro per la casa, dappertutto. E spesso non li ritrovavo. Solo dopo anni capii perché sparivano quei piccoli frammenti di carta manoscritti. Mia madre me li recuperava a mia insaputa ma per un solo scopo: poterli conservare ed evitarne la sicura distruzione. Dopo quasi una trentina di anni mi sono ritrovato tra le mani tanto materiale che, dopo accurata revisione, ho pubblicato nel 2012 con un titolo semplice ma emblematico: Poesie dal mio diario, la cui copertina fu prodotta con un mio dipinto olio su tela. Con questa prima mia raccolta vinsi l’incertezza che coglieva molti autori di poesia in qualche modo: la pubblicazione dei propri intimi pensieri. Dopo, fu sicuramente meno complicato continuare a farlo. Lo feci seriamente e con passione vera. Il Coraggio dei pensieri la timidezza della poesia è stata la mia seconda raccolta poetica uscita appena un anno dopo. Entrambe prodotte e inserite nel mercato editoriale da Arduino Sacco Editore. A seguire, nel 2015 Segreti Svelati, edito da David & Matthaus. Una sorta di libera confessione sulla mia intima visione del mondo e della vita, con poesie scritte solo ed esclusivamente in prima persona. Le tematiche adottate, legate al risultato di un’attenta ricerca introspettiva in relazione ai sentimenti umani. Assoli del 2016 di Le Mezzelane Edizioni è la quarta silloge che mette a fuoco in concreto il concetto musica-poesia quale connubio di espressioni racchiuse nella metafora della natura come orchestra, e della voce del poeta quale strumento principale di una sinfonia: ‘Un Assolo’, appunto. Stesso principio con Vernice Damar edito da Edizioni Ensemble nel 2019 che racconta come la scrittura possa essere accostata a uno splendido dipinto, e come la poesia possa essere la sua ‘vernice damar’, un fluido che i pittori utilizzano sulle immagini ormai spente di luce e brillantezza per riportarle a uno splendore nuovo. Infine Triticum, edito da PAV Edizioni. Un potente lavoro dalla forte struttura. In parte illustrata, questa raccolta contiene sessanta componimenti poetici. Le liriche, si sviluppano su tre piani tematico-emotivi, collegati tra di loro attraverso un percorso diacronico e parallelo al ciclo stagionale di un frumento divenuto emblematico nella nostra cultura, ma soprattutto importante per la nostra alimentazione: il grano.  Triticum, si estende su tre momenti fondamentali relativi alla coltura del grano: semina, mietitura e spigolatura. A ognuna di queste fasi, è assegnata una serie di poesie collegate a un particolare tema emozionale, o a un elemento che ho ritenuto aderente a quel passaggio della coltivazione. Tuttavia, al suo interno non mancano riferimenti fisici reali ai campi di grano, i quali  si connettono in maniera quasi spontanea alle capacità interpretative che la natura umana possiede. Mi piace sottolineare che oltre alla poesia, non sono mancate occasione in cui ho potuto cimentarmi anche nella stesura di racconti brevi ed essere inserito in varie antologie di narrativa.

MTDD: “Ascoltare il Mondo… per poterlo raccontare”: Puoi elaborare questo tuo concetto?

VSDC: In un certo senso ci riallacciamo alla risposta della prima domanda. Si parla certamente di una certa abilità nel saper evidenziare alcune brillanti sfumature che accompagnano l’esistenza umana nel viaggio della vita. Spesso poco evidenti, se non addirittura impercettibili. Tuttavia, la quasi totalità delle persone con una buona percezione sensoriale resta imprigionata dalla loro bellezza, frutto di una soggettiva interpretazione emotiva, affidata al grado di sensibilità personale. Ecco, il concetto è che se abbiamo gli strumenti per decodificare questi deboli, ma estremamente affascinanti messaggi che il mondo ci trasmette, siamo altrettanto in grado di poterli amplificare a seconda del livello percettivo messo in campo. Saperlo ascoltare significa saperlo interpretare e poterlo raccontare in qualche modo: che sia pittura, poesia o altro.

 

MTDD: Ho avuto l’onore di leggere e recensire la tua antologia Triticum, che considero una bellissima raccolta di poesie dai tono romantici, maliconici, nostalgici, ma che al tempo stesso evidenziano il tuo attaccamento alla tua terra ed un senso concreto della Vita.

A prescindere dalla mia recensione, che naturalmente riflette la mia opinione personale al riguardo, tu che tipo di Poeta senti di essere? Hai una definizione per i tuoi versi o ti senti comunque vicino a qualche autore particolare?

VSDC: Ritengo di essere un poeta d’oggi. Adeguato al periodo storico che vivo. Tradizionalista nella giusta misura, avanguardista anche, ma senza mai perdere di vista ciò che la letteratura antica ci ha trasmesso. La scuola poetica siciliana ha segnato il vero inizio di quest’arte e in  Petrarca – nel Trecento – la poesia ha stabilito dei modelli di riferimento rimasti tali addirittura fino all’ottocento. Questo significa che  la forma poetica è importante quasi quanto il contenuto e che sicuramente alcuni influssi moderni ne stravolgono la fisionomia antica in qualche modo (e guai se così non fosse), ma conservare  quella sua struttura classica affinchè non si trasformi in prosa è fondamentale a mio parere. In questa corrente di pensiero si colloca il mio modo di pensare la poesia. Naturalmente molti poeti, soprattutto ottocenteschi, hanno più o meno influenzato lo stile che adotto durante la stesura. Uno stile comunque  personale nei confronti del quale, opero con attenzione una minuziosa ricerca della parola adatta. Inoltre, nel rispetto della forma che più mi appaga, la mia poesia è spesso asciutta, priva di ciò che può essere evitato: ideale per Labor Limae.  Intensa ed efficace, costruita con versi che sviluppino armonia e musicalità coesa. Una poesia che cerco di rendere omogenea e fluida alla lettura.

 

MTDD: Tra le tante cose che ho apprezzato nel leggere questa tua raccolta c’è un verso che è rimasto scolpito nella mia mente e che, a mio avviso, riflette la tua totale onestà nel presentarti al pubblico come realmente sei:

“Piango davanti al baratro

che ha osteggiato ogni mia ambizione

stroncata da fatica senza desiderio e da convinte insicurezze

figlie di paura e di incertezze.”

 

La Vita à una lotta soprattutto contro noi stessi, contro i nostri dubbi, le nostre incertezze, la paura di fallire affrontando l’ignoto… – tutti concetti che, secondo me, dovrebbero esserci insegnati sin dalla più tenera età.

Cosa puoi dirci al riguardo in base alla tua esperienza, ma soprattutto alla luce di questi tuoi versi?

VSDC: Indubbiamente hai centrato il senso vero di questa poesia. Una profonda riflessione che scava nell’anima e che mette in evidenza il concetto di lotta tra volontà e dubbio, tra rischio e certezza, tra progetto e fallimento. Un antico dilemma davanti al quale ogni essere umano si è trovato costretto a operare una scelta obbligata, dirigendo le proprie sorti verso fortune o disfatte.  Nella prima parte della vita regna l’entusiasmo, la forza e l’energia. Saper sfruttare al massimo questa condizione temporanea è fondamentale per poter godere dopo di quanto prodotto e costruito, nella seconda metà della vita appunto. Ed è proprio in quest’ultima fase che invece inizia la vera e cosciente autocritica. Quella che condanna alcuni tratti della propria vita, dove più si è resa evidente la convinzione di non aver erogato il massimo possibile e con la giusta determinazione.

 

MTDD: La Vita, secondo Vinicio Salvatore Di Crescenzo, è più “Madre” o più “Matrigna”?

VSDC: La vita è un dono immenso di cui abbiamo la responsabilità della gestione. Analizzando le due forme in relazione ai concetti espressi  da Pascoli e Leopardi ma riferiti alla natura, secondo cui per uno è meraviglia e tenera visione, per l’altro pessimismo e malinconica espressione in contrapposizione all’uomo, direi che entrambe possano convivere in relazione anche alla vita. La nostra visione della vita fa fede e reagisce di concerto alla coscienza, all’educazione e al rispetto per essa così come percepita e poi vissuta. La prospettiva è fondamentale: quanto più siamo portati ad essere pessimisti e malinconici tanto più diventa facile vedere la vita come una matrigna che ci nasconde ogni purezza e ogni verità. Ma se i nostri occhi sono votati al bene e all’esaltazione del privilegio di cui ci è stato fatto dono con la vita stessa tutto cambia. La nostra esistenza diventa madre. Una madre che dispensa amore e cura, crescita e valori. L’analisi è sicuramente oggettiva e generalizzata, ma dovendo esprimere un mio giudizio personale, direi che la mia vita è più madre che matrigna. Una madre che incarna le passioni dell’uomo e i suoi più puri sentimenti.

 

MTDD: Grazie, Vinicio per esserti preso il tempo per questa intervista. Spero di averti ancora ospite del mio Salotto Culturale Virtuale. Nel caso ci fossero lettori che desiderassero acquistare le tue pubblicazioni e/o mettersi in contatto con te, come potranno farlo?

VSDC: Allo scopo di avere sempre un contatto continuo e diretto con chi ha deciso di seguirmi, ho creato un sito ufficiale e dei profili social che vi elenco:

Sito ufficiale: https://www.viniciosalvatoredicrescenzo.com/

Facebook: https://www.facebook.com/viniciosdicrescenzo.officialpage/

Instagram: https://www.instagram.com/viniciosdicrescenzo/?hl=it

Linkedin: https://www.linkedin.com/in/vinicio-salvatore-di-crescenzo-338317187/

 

Inoltre, per chi vuole anche avere informazioni e notizie riguardanti il mondo della scrittura, è attivo il mio blog personale all’indirizzo:

https://viniciosalvatoredicrescenzo.blogspot.com/p/benvenuto-sul-mio-blog.html

Infine per acquistare le mie raccolte poetiche ma anche per avere informazioni relative a tutta la mia bibliografia si potrà scrivere a viniciosdicrescenzo@gmail.com

Mi piace in ultimo poter dire, che dopo sei raccolte poetiche in cui ho percorso un lungo viaggio e che continua verso una meta che mai mi porrò come un traguardo, la felicità più intensa è incarnata nella gioia che mi riempie il cuore ogni qualvolta mi rendo conto di aver creato un collegamento intimo, sincero e diretto con chi mi legge l’anima attraverso la poesia che esprime tutta la mia essenza.

 

Previous article“Siamo connessi?” | di Meri Lolini
Next article“IL FESTINO: il “trionfo” di Rosalia”| di Giusy Pellegrino
Maria Teresa De Donato
Romana di nascita, risiede negli USA da oltre 25 anni. Dopo aver studiato giornalismo presso la Scuola Superiore di Giornalismo “Accademia” e l’American College of Journalism ha conseguito le lauree Bachelor, Master e Dottorato in Salute Olistica laureandosi con lode presso Global College of Natural Medicine e specializzandosi in Naturopatia e in Omeopatia Classica. Da oltre 38 anni svolge attività di Coaching (Gestione dell’Ira, Analisi del Conflitto, Negoziazione e Gestione del Conflitto, Comunicazione Strategica per Coppie). Dotata di personalità eclettica, ha un approccio olistico e multidisciplinare alla vita e alla salute. Un’appassionata scrittrice e blogger, è autrice di numerosi libri, tra cui due romanzi, tutti disponibili sui canali di distribuzione Amazon. Maria Teresa De Donato http://www.dedoholistic.com/ https://www.facebook.com/teresa.dedonato https://www.amazon.com/Maria-Teresa-De-Donato-PhD/e/B019G68L8Q