“ILLUSI” | di Marco Cagnolati

0
355
Marco Cagnolati
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Perché vi sono artisti che pagano per collettive macedonie dove il piatto forte è farsi un selfie con il personaggio nazional popolare di turno ? Perché così pensano di vendere i quadri ai collezionisti ! I collezionisti hanno mai parlato con un critico d’arte serio, che non va a visitare gli atelier di chi non sa disegnare né dipingere ? No ! Mai ! Molti dicono: voglio fare mostre e pubblicazioni. Ma va ? Davvero ? Come pensano di farlo ? Se non coinvolgi chi sa, non storicizzi e se chiami le persone sbagliate, storicizzi male. Certe mostre non inseriscono nel Novecento europeo, perché la curatela è monca. Gli organizzatori spesso sono un gruppo di amici e a volte i curatori sono i figli dell’artista o i proprietari delle opere; con questi puoi fare una festa, non un mostra seria. Con il vano obiettivo di far crescere il valore economico delle opere, fanno queste operazioni dove se la cantano e suonano a vicenda, ma non ottengono nulla. Senza entrare nei musei che contano, senza pubblicazioni autorevoli e scientifiche, la crescita economica è illusoria.

Marco Cagnolati

Previous articleSold out per la prima tappa del tour estivo di Andrea Casta & Friends: il violinista dall’archetto luminoso
Next article“Pupi e antimafia: la Marionettistica popolare siciliana di Angelo Sicilia”| di Giusy Pellegrino
Marco Cagnolati
ARTISTA - Nato a Boretto il 15 marzo 1959 (in provincia di Reggio Emilia). STUDI: Istituto d’Arte ”Paolo Toschi” di Parma - Accademia Belle Arti di Bologna - Specializzazione Polivalente a Mantova. TITOLI: Abilitazione all’insegnamento di Educazione Artistica (Ist.d’Arte ”Venturi” di Modena) - Abilitazione all’insegnamento di Discipline Pittoriche (Liceo Artistico di Bologna) - Idoneità di Concorso e Diploma di "Alta Qualificazione Docente" (Reggio Emilia). HA INSEGNATO: ”Educazione Artistica” nelle scuole medie, “Businnes” alle superiori e “Disegno dal vero” ed “Educazione Visiva” presso l’Istituto d’Arte “Gaetano Chierici” di R.E. (1^ 2^ e 3^ e 1^ e 2^ Biennio Sperimentale). Ha lavorato per il Cinema ("The last Emperor" – 9 Oscar) e la RAI TV. ESPOSIZIONI PRINCIPALI: Mostre personali a Reggio Emilia, Modena, Mantova, Bologna, Latina, Firenze, Milano, Genova, Roma, Parigi, Torino, La Biennale di Venezia “Platea dell’Umanità”-2001, Londra …ExpoArte di Bari, Bologna, Basilea, Stoccolma, Los Angeles, San Francisco, New York, Tokio, Madrid, Toronto. CRITICI: Flavia Lepre, Gilberto Cavicchioni, Romana Bagni, Luciano Caramel, Andrea Visioli, Eros Teodori, Angelo Leidi, Marzio Dall'Acqua, Alberto Agazzani, Sergio Zanichelli, Gillo Dorfles, Achille Bonito Oliva, Vittorio Sgarbi e Philippe Daverio.