“Ah l’amore!” | di Aurora d’Errico

0
387
Aurora D'Errico
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

«Se saprai starmi vicino, e potremo essere diversi, se il sole illuminerà entrambi senza che le nostre ombre si sovrappongano, se riusciremo ad essere “noi” in mezzo al mondo e insieme al mondo, piangere, ridere, vivere … Allora sarà amore e non sarà stato vano aspettarsi tanto.» (Pablo Neruda)

“Amore e Psiche”: il mito narrato da Luciano de Crescenzo | “Zeus. le gesta degli dei e degli eroi”

Buongiorno, miei cari lettori e ben venuti nella mia rubrica: “In salotto con Aurora”.

Oggi, vorrei riflettere con voi, su un concetto molto caro a quasi tutti gli esseri umani: “l’amore”, quell’emozione così potente da rappresentare forse, il sentimento più ambito da chiunque. Amore, passione, ardore, un turbinio di emozioni che ti investono e a volte ti inondano fino a travolgerti e distruggerti completamente. L’amore per noi umani, a differenza degli animali, rappresenta una necessità di vita. Il bisogno di amare, infatti, è innato nell’uomo, al pari del bisogno di nutrirsi, di bere; esso rappresenta un’esigenza fondamentale, quasi essenziale per la sua stessa sopravvivenza. Virgilio nelle Bucoliche cantava: “Omnia vincit amor et nos cedamus amori”, ovvero: “L’amore vince su tutto e bisogna cedere all’amore”. Ma la domanda più ricorrente che ci poniamo fin dall’inizio della nostra stessa esistenza è: “Esiste il vero amore?” E, soprattutto: “Esiste la felicità in amore?”. Per Epicuro la felicità era assenza di dolore. Ma l’amore, purtroppo, il più delle volte è dolore, angoscia, sofferenza, gelosia, tormento. Schopenhauer afferma che dietro la molteplicità dei fenomeni del mondo si nasconde una forza unica, cieca e irrazionale: la volontà. In tale prospettiva, tutti gli esseri umani sarebbero in realtà una oggettivazione nello spazio e nel tempo appunto della volontà, nel senso che il mondo non sarebbe altro che un gigantesco scenario al cui interno tutte le cose, attraversate da questa volontà insaziabile, lotterebbero per esistere e perseverare nel proprio essere come il bene ed il male. Fin dai tempi antichi, infatti, l’uomo è sempre stato pervaso da due eterni istinti: uno è l’istinto alla vita, rappresentato dall’amore, dall’affetto, dalla passione che, secondo il mio modo di vedere le cose, è equiparato alla luce; l’altro, invece, è l’istinto di morte, rappresentato dall’aggressione, dalla violenza, dalla distruzione, ovvero dalle tenebre. Tuttavia credo che, probabilmente di tutti i sentimenti esistenti, solo l’amore unisca veramente gli esseri umani, che genera solidarietà ed equilibrio all’interno della nostra società, della famiglia e, soprattutto, della coppia. Il “Mito delle due metà” che viene narrato da Aristofane nel Simposio di Platone, narra che anticamente tutti gli uomini esistevano al mondo come esseri perfetti ma indistinti e fu poi Zeus che, spinto da un grande sentimento di orgoglio, decise che era giusto che ogni individuo venisse spaccato in due.

Fu da allora che ogni persona porta avanti la propria esistenza alla ricerca della metà, quella metà della quale si sente tanto la mancanza al punto da spingere ogni individuo a cercarla in ogni parte del mondo per ritrovarla e sentirsi così completi. È qui che scatterebbe l’ansia di ogni essere umano di ricercare l’altra metà mancante in modo da raggiungere l’amore perfetto. L’essere umano ha bisogno dell’amore, di amare e, soprattutto, di essere amato. Quando siamo innamorati vorremmo fermare il tempo. Viviamo per quegli attimi fuggenti. A volte penso che l’amore sia pura follia e, probabilmente, la follia è la parte più potente di noi stessi. Sono fermamente convinta che noi umani non ci innamoriamo di chiunque, ma solo di coloro che in qualche modo ci riflettono la nostra follia, perché l’hanno compresa. È solo in questo modo che siamo messi veramente a nudo prima ancora di esternare i nostri veri sentimenti. E, in un certo senso, l’amore corrisponde a una sorta di smarrimento, uno smarrimento di cui abbiamo assolutamente bisogno, forse perché dobbiamo conoscere la nostra follia, che ci attrae più di ogni altra cosa anche se non lo sappiamo. Sarà questo il segreto dell’amore? Oppure la vera felicità è racchiusa nel coraggio di mettersi in gioco, di pretendere qualcosa dal proprio destino, da sé stessi? Amare noi stessi significa imparare a conoscersi, seguire i propri sogni, realizzare le proprie ambizioni, imparare a resistere alle avversità della vita. L’amore implica una serie di accorgimenti, di strategie, di sogni che debbono proiettare ognuno di noi verso l’altro. L’amore, dunque non è “prendere” ma è “dare”, non è “ricevere” ma è “donare”. Susanna Tamaro ha scritto: “Va dove ti porta il cuore” ed io aggiungerei: “Va dove ti porta la tua anima, amala e soprattutto, impara ad ascoltarla e rispettarla”. Solo prendendo cognizione del nostro equilibrio interiore potremo aprirci agli altri, e potremo così imparare finalmente ad amare. Amore è dedizione, passione, sacrificio, ma è soprattutto vita! Allora, ama e sii felice! E come diceva D’Annunzio: “Ama il tuo sogno se pur ti tormenta!”

Aurora d’Errico

Previous article“L’handicap non preclude l’amore. La storia di Roberta e Andrea” | di Daniela Cavallini
Next article“Come essere curati ed eleganti in spiaggia” | di Ilaria Cerioli
Aurora d'Errico
Affascinata del sapere fin da piccola, tanto che all’età di quattro anni e mezzo sapeva già leggere e scrivere, grazie alla vasta biblioteca paterna, si è sempre “cibata” di numerosi libri di ogni genere per cercare di soddisfare quella sete di conoscenza che ha rappresentato per lei il motore dominante di tutta la sua vita. Laureata in Giurisprudenza, Avvocato e Scrittrice, Master in criminologia e criminalistica, Master in diritto di famiglia, Giurista d’Europa, relatrice in numerosi convegni per la lotta alla violenza sessuale, al bullismo, allo stalking ed altri argomenti attuali, è stata ospite in diverse trasmissioni televisive oltre ad essere citata su alcune riviste e testate giornalistiche nazionali ed internazionali. E’ stata ideatrice e Presidente di “AZZURRO DONNA”, un’associazione culturale che l’ha vista in prima linea per la diffusione dei diritti civili, soprattutto nel campo femminile e la promulgazione della pace nel mondo, tanto da ottenere nel 2019 il “CERTIFICATE OF APPRECIATION”, un importante riconoscimento ufficiale per il lavoro umanitario a favore dei “diritti umani”, da parte della Presidente dell’N.O.P.H, Ambasciatrice della Pace dello Stato della Tunisia. Sempre nel 2019, riceve un altro importante premio, “PREMIO ALLA CULTURA”, come “SCRITTRICE”, per il Premio alla Buona Volontà nella città di Cuneo. Nel 2020, viene nominata Responsabile per la Regione Abruzzo dei volontari A.I.SO.S (Associazione Italiana Studio Osteosarcoma). Nel 2016 pubblica il suo primo libro dal titolo “AMORE, ADULTERIO E SEPARAZIONE”, una sorta di saggio sull’amore e sui motivi che spingono all’adulterio. Nel 2017, è la volta di “OBSESSION DEVIL”, il suo primo romanzo rosa/thriller che si svolge in Bretagna. Sempre nel 2017, “MIELE, ZENZERO E POESIA”, la sua prima raccolta di poesie, quasi tutte dedicate all’amore. Nel 2018, “SENTIERI VIRTUALI”, un altro romanzo rosa. Nel 2019 pubblica la sua prima favola “IL CASTELLO DELLE ROSE”, in cui parte del ricavato andrà in favore dell’A.I.SO.S.. Da qualche mese ha terminato il suo ultimo romanzo, la cui pubblicazione è prevista per fine estate e ha già iniziato il suo settimo romanzo, oltre ad una serie di nuove poesie e aforismi. Con la sua nomina come uno dei REDATTORI della Piattaforma di Mobmagazine.it, grazie al suo promotore, lo scrittore Andrea Giostra, avrà una RUBRICA tutta sua dal titolo: “IN SALOTTO CON AURORA”, in cui verranno trattati argomenti di arte, cultura e spettacolo, dove i lettori potranno interagire direttamente attraverso i loro preziosi commenti.