Stefania Savino, scrittrice, presenta il suo racconto “Nuvole Sogni Nostalgie” | INTERVISTA

0
268
Stefania Savino
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

«Tutti dovremmo emozionarci al passaggio delle Nuvole sulla nostra testa, provare a catturare i più bei Sogni e poi abbandonarsi alle Nostalgie.»

“Nuvole Sogni Nostalgie” di Stefania Savino

di Andrea Giostra

Ciao Stefania, benvenuta e grazie per aver accettato il nostro invito. Come stai e come hai passato da scrittrice e docente questi mesi di Covid-19?

Ciao a tutti e grazie a te, Andrea, per avermi invitata. Il Covid-19 ha letteralmente “scagliato” tutti noi all’interno di un vortice; importanti e per niente semplici sono state le sfide da affrontare in diverse modalità, cercando di “restare a galla” il più possibile. Da docente devo ammetterlo: non è stato affatto semplice condurre una didattica a distanza, puramente virtuale. C’è da aggiungere che, durante questi mesi, mi è sembrato essere tornata tra i banchi di scuola, perché anch’io mi sono cimentata in diverse “sperimentazioni” cercando la modalità più idonea per restare accanto ai miei alunni. La rete e i diversi social a cui sono iscritta mi hanno quotidianamente supportata e quindi posso dire di “essere sopravvissuta” ma, nonostante ciò, la scuola è fatta di relazioni in presenza, è fatta di sguardi, di incoraggiamenti anche semplicemente attraverso una “pacca sulla spalla” e questo purtroppo il Covid non lo ha permesso a me come a tanti altri docenti. Da scrittrice l’esperienza di dover obbligatoriamente restare a casa è stata meno “traumatica”. I tempi diluiti di permanenza alla scrivania poi al divano ed infine a letto, mi hanno concesso una coccola in più. Ho letto tantissimo senza aver necessità di dedicare un tempo stabilito (visto che il tempo stesso sembrava essersi fermato) ai libri che durante l’anno avevo acquistato e posto nella libreria, in attesa dell’estate, quando generalmente posso donare molto più tempo alla lettura. Contemporaneamente a ciò, anche la scrittura ne ha goduto e infatti ho avuto più tempo per terminare quei lavori iniziati in tempi trascorsi e più linfa creativa per dar vita a nuove produzioni. Per me non c’è scrittura senza lettura quindi, durante questo tempo, che all’esterno sembrava essere sospeso, ho alimentato nuove idee per dar vita a diverse e nuove creazioni.

Il tuo nuovo libro è un racconto, “Nuvole Sogni Nostalgie”, ci racconti come è nata l’idea e quale il messaggio vuoi che arrivi a chi leggerà il tuo racconto?

Il mio racconto ha avuto origine in tempi abbastanza lontani, quelli in cui scrivevo tutto ciò che mi passava per la mente, senza un preciso obiettivo, senza una precisa meta, senza alcun traguardo. La mia scrittura è sempre stata per me catartica, ha sempre risposto essenzialmente ad un bisogno personale perché spesso avverto l’esigenza di dover esternare i miei pensieri, le mie folli idee e quei ricordi particolarmente evocativi di un momento, di un istante, di un’epoca di cui non voglio perdere alcun particolare. Scrivere anche solo una parola mi aiuta a fissare quel determinato istante, esordio di ciò che poi verrà… Così è stato per “Nuvole Sogni Nostalgie” poiché il titolo, composto di sole tre parole, racchiude un cosmo infinito di essenze congiunte tra loro. L’idea è nata dalla mia infantile curiosità di osservare instancabilmente il movimento delle nuvole, mai fisse e stabili, portatrici di fantasie e di sogni che, allo stesso tempo, conducono la mente anche a pensieri talvolta nostalgici. Ed ecco spiegata l’idea da cui tutto ha preso vita. Un po’ più complesso è il messaggio da far arrivare a chi vorrà approcciare questa lettura. In realtà, quando si legge, ci si catapulta in una dimensione diversa, insolita e a tratti anche distante dalla vita che conduciamo tutti i giorni; di conseguenza credo che ognuno, tra le pagine di un libro e tra le righe dense di parole, inevitabilmente trovi il proprio messaggio, quello che sente più conforme a sé stesso così da farne tesoro. Il messaggio che potrei inviare a chi si accosta al mio racconto potrebbe essere, più che un messaggio, un invito ad osservare attentamente il movimento delle nuvole e lasciarsi trasportare, far sì che il fluire dei pensieri possa trarre nutrimento da ciò che si osserva.

Qual è la storia di questo racconto, senza fare spoiler ovviamente, per anticipare qualcosa al lettore di questa intervista e per incuriosirlo un po’?

La trama è costruita su una serie di eventi che colpiscono Aurora, una giovane trentenne che, come tutte le donne, ama perdersi nei momenti della sua quotidianità, rincorre i sogni più delicati in modo da non dover soffrire più di quanto abbia già sofferto pur non arrendendosi mai, convinta che prima o poi avrebbe scritto lei stessa il suo destino. Aurora è il simbolo della forza e della fragilità al tempo stesso, della tristezza e della gioia, della forza e della debolezza, un misto di peculiarità proprie dell’essere donna e dell’essere uomo nella stessa entità. Non saranno di certo gli eventi più tristi ed improvvisi che fermeranno la voglia di riscatto verso una vita che troppe volte si è presa gioco di lei. Aurora è la libertà personificata, l’espressione egoistica di chi ha sofferto, talvolta in silenzio altre volte urlando a gran voce, la dolcezza di non ferire quella mano che troppi colpi aveva messo a segno e la freddezza di saper prendere le distanze da chi troppe volte aveva posto un limite alle emozioni e disegnato un confine ai sentimenti.

Chi è il lettore che hai avuto in mente mentre lo scrivevi?

Mentre la penna scivola sul foglio a velocità vertiginosa, ho chiaramente intravisto dinanzi ai miei occhi tante altre donne che, come Aurora, vivono emozioni ed eventi così come, altrettanti uomini, vivono a modo loro altri sentimenti. Tante volte si avverte una diversa modalità di espressione riguardo la sfera affettiva, come è giusto che sia, ma emozionarsi non ha età né classificazione di genere. Anche la lettura, secondo me non ha, o non dovrebbe avere, alcuna distinzione ma purtroppo non è per tutti così. Scrivere è un dono, è quel regalo che ogni scrittore realizza verso tutti coloro che amano immergersi tra le pagine di un libro; allo stesso tempo scrivere è anche perdersi fantasticando, riflettendo, immaginandosi talvolta parte della trama e degli eventi che la caratterizzano. Personalmente, quando scrivo, immagino costantemente di avere dinanzi un lettore che come me, lettrice onnivora, desidera imparare, scoprire, indagare, emozionarsi, immedesimarsi nei personaggi che caratterizzano le storie e porsi anche con spirito critico all’interno delle trame.

Nel primo capitolo del tuo libro, ad un certo punto scrivi: «Fu allora che si insinuò, nella sua mente, un dubbio: avrebbe mai più amato? Amato incondizionatamente? Adesso o fra qualche tempo? Per uno strano caso del destino, Aurora non riusciva proprio a darsi una risposta.» Qual è il rapporto della protagonista con l’amore e quale il ruolo che nel racconto giocano i sentimenti?

Aurora per tanto tempo crede nell’amore, quello ritratto negli uomini che ha incontrato lungo il corso della sua vita; uomini delicati come un alito di vento che improvvisamente diventa bufera incontenibile, uomini che travolgono e mettono scompiglio nei suoi pensieri e soprattutto nei suoi progetti. Aurora ha sempre avuto rispetto dei sentimenti altrui ma, gli eventi della vita, non le consentono di continuare ad avere fiducia verso chi ha letteralmente e troppe volte giocato con i suoi. Pian pianino imparerà a comprendere che, oltre le parole, basta anche un semplice sguardo, in un determinato contesto, ad aprire un orizzonte di meraviglie.

«…anche l’amore era fra le esperienze mistiche e pericolose, perché toglie l’uomo dalle braccia della ragione e lo lascia letteralmente sospeso a mezz’aria sopra un abisso senza fondo.» (Robert Musil, “L’uomo senza qualità”, Volume primo, p. 28, Einaudi ed., 1996, Torino). Alla luce del tuo ultimo libro, tu cosa ne pensi di quello che scrive Robert Musil? Che esperienza è l’amore oggi e quale il ruolo nella società contemporanea?

Robert Musil presenta Ulrich, protagonista del racconto “L’uomo senza qualità”, come un uomo elegante sì ma introverso, per certi tratti vuoto e insensibile, talvolta quasi spontaneo che si innamora e trasforma il rapporto con la donna in una modalità così articolata fino a diventare quasi mistica. Aurora è per certi aspetti simile: è una donna che dapprima si dona e si abbandona a tutto ciò che una storia d’amore le regala ma poi, pur sapendo che nulla è stabile e tutto si trasforma, cerca di costruirsi intorno una sorta di gabbia, uno spazio ben delimitato, una sorta di barriera di protezione per evitare quasi la sofferenza e guarire dalle ferite inferte da chi è stato imprudente nel maneggiare il suo cuore. Secondo il mio parere di donna, costantemente innamorata della vita e di tutto ciò che è AMORE nelle sue mille sfaccettature, devo ammettere che purtroppo oggi si vive in un’epoca in cui sembra quasi non esserci più spazio per l’amore; gli innumerevoli messaggi, le chat e i social media hanno sostituito il tenersi per mano e il guardarsi negli occhi, hanno creato sempre più una sorta di distanza tra le persone. Sembra quasi che non si abbia più voglia di investire i propri sentimenti, condividere la propria vita con un’altra persona forse per paura di perdere la propria libertà? Sinceramente non saprei…

Un’altra grandissima scrittrice che ha scritto di amore e di passioni in modo inusuale e “futuristico” per i suoi tempi, è stata Anaïs Nin che in “Diari d’amore” scrive: «Io vivo in una specie di fornace di affetti, amori, desideri, invenzioni, creazioni, attività e sogni. Non posso descrivere la mia vita in base ai fatti perché l’estasi non risiede nei fatti, in quello che succede o in quello che faccio, ma in ciò che viene suscitato in me e in ciò che viene creato grazie a tutto questo… Quello che voglio dire è che vivo una realtà al tempo stesso fisica e metafisica…» (Anaïs Nin, “Fuoco” in “Diari d’amore” terzo volume, 1986). Tu che ne pensi in proposito e come vive la tua protagonista, Aurora, nel tuo racconto l’amore da questa prospettiva emozionale e passionale?

Aurora, pur essendo una donna sincera, profonda, sognatrice e passionale non esterna l’amore e tutto ciò che ne fa da corollario secondo lo stile di Anaïs Nin, anche se, quando ama, lo trasmette in maniera incondizionata. Aurora piange, sorride, trema, soffre, spera e si dispera, si emoziona, si perde nei ricordi ma non esterna nulla di tutto ciò. Talvolta discute persino con sé stessa perché subisce e ingoia tristezze chiedendo alla sua anima di placare quella voce che, troppe volte, le rimbomba nella mente. Anaïs Nin, oltre a colorare le pagine della sua opera Diari d’amore, descrive l’amore carnale ma, più di tutto, l’idea stessa dell’amore puro, assoluto e sincero a differenza di Aurora che lo soffoca, lo reprime spesso anzi, forse troppe volte.

“Nuvole Sogni Nostalgie” di Stefania Savino

Una domanda difficile Stefania: perché i nostri lettori dovrebbero comprare “Nuvole Sogni Nostalgie”? Prova a incuriosirli perché vadano in libreria o nei portali online per acquistarlo.

Domanda difficilissima!!! Posso semplicemente invitare ad emozionarsi come mi sono emozionata io mentre lo scrivevo e quando, per la centesima volta, l’ho riletto! Posso ulteriormente invitare tutti i lettori ad alzare, solo per un attimo, gli occhi verso il cielo e provare ad osservare il movimento delle nuvole e, così come hanno fatto alcuni famosi pittori (mi viene da pensare a John Constable, William Turner e Renè Magritte solo per citarne alcuni), chiedersi perché siano proprio lì, in quel determinato punto del cielo… forse attendono lo sguardo concentrato di qualcuno affinché prendano forma, in tutta quella leggerezza che fa di loro un elemento fondamentale del pensiero umano.

C’è qualcuno che vuoi ringraziare che ti ha aiutato a realizzare questa tua opera letteraria? Se sì, chi sono queste persone e perché le ringrazi pubblicamente?

Vorrei semplicemente ringraziare l’Aurora che è in me, quella delicata e coriacea, coraggiosa e allo stesso tempo paurosa, guerriera e pacifista, sensibile e imperturbabile, indulgente ma anche vendicativa, insomma quella personalità simile ad una miscela esplosiva che ancora crede all’amore che travolge e a quello che stravolge.

Vuoi parlarci delle tue precedenti pubblicazioni? Facci una breve presentazione delle tue opere letterarie già pubblicate per farle conoscere ai nostri lettori.

Sin da piccola ho vissuto immersa tra i libri e la passione per la scrittura così come quella per la musica e per l’arte in genere. Scrivere non è altro che un dono, un atto gratuito da offrire, sempre e comunque. L’avventura nel mondo della scrittura è nata in tempi lontanissimi, forse quando ho imparato ad impugnare la penna. Con la scrittura ho apprezzato un nuovo modo di comunicare con il mondo circostante quelli che sono i miei stati d’animo, le intense emozioni, le gioie, i pensieri e anche le numerose tristezze. Ho pubblicato diversi racconti per l’infanzia, saggi e manuali per alcune Università e un libro di poesie. I temi analizzati spaziano dalla disabilità all’importanza dei sentimenti, dagli affetti familiari alluso smodato della tecnologia, dalla cura e dall’amore per gli animali all’importanza delle regole per vivere serenamente le relazioni a scuola e in altre comunità.

Come vuoi concludere questa chiacchierata e cosa vuoi dire ai lettori di questa intervista?

Intanto ringrazio immensamente te Andrea, perché mi hai permesso di far conoscere un po’ di me, un po’ di quella “me-Aurora” che ancora si emoziona quando alza gli occhi al cielo e resta incantata ad osservare il viaggio delle nuvole, presenza impalpabile, inavvicinabile ed effimera. Tutti dovremmo emozionarci al passaggio delle Nuvole sulla nostra testa, provare a catturare i più bei Sogni e poi abbandonarsi alle Nostalgie.

Stefania Savino

https://www.facebook.com/stefania.savino.10

https://www.linkedin.com/in/stefania-savino-35195279/

https://www.instagram.com/stefy.savino/

https://www.instagram.com/stefaniasavinoscrittrice/

https://web.telegram.org/#/im?p=u759438104_7739713142455058819

 

SaMa Edizioni

www.samaedizioni.it

https://www.facebook.com/samaedizioni/

https://www.linkedin.com/in/sama-edizioni-71672914a/

https://web.telegram.org/#/im?p=@samaedizioni

 

Andrea Giostra

https://www.facebook.com/andreagiostrafilm/

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

https://www.youtube.com/channel/UCJvCBdZmn_o9bWQA1IuD0Pg

 

Previous article“Un bicchiere di latte” | di Meri Lolini
Next article8 Agosto 1943 | di Mariella Di Mauro
Andrea Giostra
SHORT-BIO | ANDREA GIOSTRA Appassionato di Arte, Letteratura e Cultura. Laureato in Psicologia Clinica con lode, con gli ultimi quattro esami sostenuti all'Università di Gent (Belgium), dove ha preparato la tesi di laurea all'interno di un progetto di ricerca scientifica della Faculty of Psychology and Educational Sciences diretta dalla Prof.ssa L. Verhofstadt-Denève. Per cinque anni ha collaborato con la Cattedra di Psicologia Clinica dell’Università degli Studi di Palermo diretta dallo psicoanalista Prof. L. Sarno. Ha partecipato ad un Corso Biennale di perfezionamento post-lauream in Psicoanalisi Freudiana presso l’Istituto Italiano di Psicoanalisi di Gruppo diretto dal Prof. L. Sarno. Ha frequentato un Master biennale in Formazione e Specializzazione Rorschach diretto dai Dott. S. Parisi e P. Pes presso l’Istituto Italiano di Studio e Ricerca Psicodiagnostica Scuola Romana Rorschach. Ha frequentato un Master triennale in Criminologia diretto dal Prof. G.V. Pisapia dell'Università degli Studi di Padova e presieduto dal Prof. G. Tranchina dell’Università degli Studi di Palermo. Project Manager e Planner di importanti Opere e Mostre di Arti Visive e di Architettura.