“Un anno complicato” | di Meri Lolini

0
311
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

L’aggettivo più mite per definire questo 2020 credo che sia definirlo “complicato”. Infatti tutto il mondo sta combattendo quel nemico invisibile, che ha generato tanta sofferenza e tante vittime, con conseguenze catastrofiche nei vari aspetti della nostra vita. La malattia è stata devastante e quel sistema di contagio impercettibile ha impaurito tutti noi, danneggiando tutta la nostra maniera di condivisione e di vita sociale. In questi mesi stiamo facendo i conti con la conseguenza economica e stiamo valutando il lavoro che non c’è più per troppe persone e nei casi meno disgraziati il regresso percentuale delle attività.Sono questi i momenti, che fanno emergere come siamo fatti ognuno di noi,quanto siamo disposti ad aiutare chi è in difficoltà ed anche chi invece approfitta di circostanze per esternare il proprio più profondo e squallido egoismo e la voglia di essere il “furbetto”, che frega il prossimo.La notizia di questi giorni è veramente vergognosa e riguarda la storia dei 600Euro, ovvero il bonus da erogare agli iscritti delle casse di Previdenza private. Questo viene delineato con DL 18 del 17 marzo 2020 ed i criteri di erogazione vengono definiti con il decreto del 28 marzo.In questi momenti tristi dell’umanità dovremmo essere pronti a condividere la sofferenza altrui, dovremmo essere pronti con tutte le mani a dare aiuto all’altro, dovremmo essere presenti per sostenere quelli che purtroppo non ce la fanno.Tutte queste frasi possono essere riassunte con tre parole: Onestà, Solidarietà e Dignità. In questi giorni stiamo assistendo alla manifestazione della vigliaccheria più profonda, che si rivela con la disonestà e tanta spavalderia. Questo comportamento viene giustificato con scuse molto ridicole che fanno emergere, che la dignità in queste persone è completamente assente. Per il comportamento scorretto di queste poche persone la nostra Italia viene sfiduciata agli occhi del mondo e questo non doveva accadere in attesa del finanziamento concordato in Europa. E’ sempre più frequente, che la scorrettezza di pochi sia la veste che purtroppo viene addossata a tutti gli altri. La nostra Italia e noi italiani dobbiamo avere la forza di differenziarci da questi comportamenti e la forza di risollevarsi per riprendere a lavorare ed a vivere dopo questa catastrofe mondiale. Vivere onestamente e con dignità senza mai dimenticarsi degli ultimi ci darà l’energia per ripartire.

 

Previous articleI Milinciani abbuttunati della zia Anna | CUCINA DI SICILIA
Next articleLibri in botte| Zucchero e catrame di Giacomo Cardaci
Meri Lolini
SHORT-BIO MERI LOLINI Sono nata a Massa Marittima (GR) e vivo dal 1977 a Firenze. Qui arrivai appena diplomata Perito Chimico ed iniziai la mia esperienza di analista chimico prima in laboratorio privato e poi per trent’anni in un laboratorio pubblico. Mi sono occupata del dosaggio dei microinquinanti organici sia in matrici alimentari che ambientali. Successivamente ho conseguito la laurea in Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Le passioni che mi hanno sempre accompagnata sono la chimica e la lettura. Dal 2019 sono pensionata. Nel 2014 ho iniziato a scrivere libri che ad oggi sono otto ed una commedia. Questi sono i testi pubblicati: Una goccia nel mare dalla casa-famiglia alla famiglia, ed. Harmakis (gennaio 2014); La passione colora la vita - per non smarrirsi nelle strade buie della depressione, ed. Harmakis (gennaio 2015); Non ci sono più le rondini? Una donna, una storia, ed. Aracne (dicembre 2015); Scegliamo consapevolmente - i tanti aspetti del cibo, ed. Aracne (ottobre2016); Sognando la pace, ed. Aracne (marzo 2017); Parliamo di rifiuti Tipologie Classificazione e Trattamenti, ed. Aracne (ottobre 2017); Il mostro vorace, ed. Aracne (gennaio 2018). Ho conseguito anche dei premi letterari: Attestato al Premio letterario “Caffè tra le nuvole”. Finalista al Premio Letterario IX edizione Casa Sanremo Writers. Una vipera in corpo, ed. Aracne (agosto 2019). Alla luce, commedia teatrale, in collaborazione con Giulia Romolini per la trasposizione teatrale del racconto. Terzo Premio al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 19 ottobre 2019. L'ultimo libro è " L'indimenticabile Quarantena " edito da CTL Libeccio Edizioni Pubblicato a luglio 2020 Finalista al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 2020 con menzione speciale della giuria con la seguente motivazione:" Miglior testo di informazione giornalistica sulla pandemia". Dal 2016 scrivo articoli su Class24 che è una rivista online di Orbassano (TO). Di recente ho redatto alcune recensioni a libri pubblicati da altri scrittori italiani. Meri Lolini https://www.facebook.com/meri.lolini http://www.aracneeditrice.it/index.php/autori.html?auth-id=375428