DI MATRIMONIO ED ALTRE FATTURE|di Flaviana Pier Elena Fusi

0
303
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

 

La fattura è di un contratto, che già il cuore ti ha sottratto, perché dentro c’è un misfatto: imbalsamare in un ritratto.

Quando si dice che il divenire, è della vita il suo fluire, si assicura che l’amore, non può stare dentro un solo cuore.

Un infinito è stabilito e l’eterno ha ribadito: ciò che vale è la capacità di dare continuità.

Nel caso già citato, del matrimonio celebrato, si antepone la missione che all’amore si contrappone. Tale condizione già include una finzione.

Incasellare in una situazione, non è buona ragione e nel ruolo da marito, che l’anello mette al dito, non c’è istinto stabilito. Va contro quel bene sancito, che si palesa quando avrà tradito.

Non è dato imprigionare, il sentimento di chi vuole amare, non si può nemmeno imparare, quando qualcuno si vuole obbligare. Ne risulta evidente, che non è anelito nascente, non segue la passione, ma soltanto una imitazione. Agli altri ci dobbiamo accomunare, così che il potere ci possa governare, un bel gregge da ammaestrare, che al proprio posto ha imparato a stare.

Il diritto è prepotente e la realtà diviene evidente: si spera nell’eventualità, che il matrimonio di fatto sia una società. Le famiglie sono imprese, dove la dignità e le offese, son sottese agl’interessi, così intesi da ambo i sessi.

Se c’è un ruolo da guadagnare, il contratto si può fare, si va subito ad annoverare, nel curriculum da presentare e se saprà durare, di un fatturato si potrà parlare.

Il matrimonio può insegnare, a fingere e a celare, se non vuoi farlo terminare, la bugia è condizione fondamentale: dite la verità se finisce è perché c’è sincerità. È peculiarità dei divorziati essere della vita appassionati, coraggiosi e tenebrosi, non sopportano i noiosi. Son concreti e realisti e dalla storia son ben visti, son anche un po’ dottori, perché di loro stessi fautori: dentro un sogno imperituro, usano il cuore anche senza ‘lo giuro’.

Il matrimonio è assurdità e chi è sposato già lo sa. Ditelo chiaramente è un rito solo apparente, nasce già viziato, nel momento che è dichiarato.

Gli sposi che piangono all’altare lo possono testimoniare: non sanno dimenticare l’amante che li saprà aspettare.

Previous articleUNO:IMPOSSIBILE CONOSCERE LA REALTA’| di Edoardo Flaccomio
Next article«Uno studio sottile della coscienza intercalato tra dubbio e certezza dall’estroso autore» | di Laura Ficco
Flaviana Pier Elena Fusi
Vivo, prego, amo: Bio…Grafia. Nord Italia, Lombardia. Brescia è precisamente la città che mi diede i natali. Il nome Berescit qui è inserito; la Testa Parlante, la Coscienza Universale che guida la Totalità, guida anche la mia esistenza. Trascorro i primi ventitré anni studiando. Magistrale, maturità, la consuetudine vuole che si dica maturità Magistrale a cui segue un quinto anno ad indirizzo giuridico per acquietare la mia sete di giustizia. Logica conseguenza è l’università statale di Milano, l’indirizzo è giustappunto Giurisprudenza. Pochi esami mi bastano per capire, benché il primo di Diritto privato lo ricordi ancora con la stessa emozione, mi accorgo che non è la giustizia di questo mondo quella a cui anelo. Rincorro altro. È tensione che vuole la mia anima libera da condizionamenti, da vincoli, da dogmi impartiti e da quelle regole ferree che non calzerebbero neppure al ferro. Mi piace spaziare in ogni direzione, me stessa è il verso che prediligo. Mi scruto per sanare antiche ferite. Guardo bene dentro, prima di mostrarmi fuori. Non sono pronta! Psicomotricità aiuta ad armonizzare il movimento con lo spirito. Un triennio, come laurea breve e sono in regola: abilitata ad una professione. Scelgo di aprire una palestra, poi due e alla fine saranno quasi tre se considero il mio studio privato, spalmati tra Brescia, Verona, laghi e valli. È vera scuola, la palestra di una vita. Gli atleti, amici e quasi figli. Le amiche, colleghe e quasi sorelle. Gli allenamenti sprigionano energia che tempra e i risultati arrivano anche se non li vado cercando. Accumulo una serie di brevetti che nemmeno ricordo, ma posso considerarmi istruttrice di svariate discipline. Cominciai con l’aerobica, che impazzava in quegli anni, per passare al body-sculpturing, step e via così fino a collezionare tutti quelli dettati dalle mode del momento. Ginnastica dolce, ginnastica isometrica, ginnastica in salsa. Impartisco personalmente corsi di training autogeno: una corsa a tutto. Lezioni sparate di fila che mantengono il mio corpo scattante e la mia mente pronta. Mi ritempro e quando abbasso la saracinesca della palestra sono preparata per altra attività: la ristorazione. Una passione che contiene più di una virtù: l’ospitalità, il ricevere, la disponibilità ad accogliere mi aiutano a diventare donna. Il primo ristorante a venticinque anni, il secondo a quaranta e il terzo? Beh il terzo scelgo di farlo all’estero. Ho maturato una certa esperienza nel campo dell’imprenditoria. So cosa funziona e cosa no. Sull’onda dell’espansione diversifico gli interessi economici. Mi tuffo nel mondo della bellezza… dell’anima. Lo spirito mi guida come vento sottile ad aprire il ‘Centro Benessere ‘Siddaharta’. Sulle rive del lago di Garda apre i battenti un atelier, dove l’estetica si unisce alle profondità dello spirito. Come dentro così fuori. Ispirato al principe Siddharta, questo negozio contiene in sé incanti reconditi, che solo ora si palesano nella loro sincronicità cosmica. Avevo trentacinque anni quando inaugurai quel centro, esattamente la stessa età che il Principe aveva quando ricevette la Buddità. Siddharta si trasforma in Buddha. Il nome significa esattamente: il risvegliato, l’illuminato, colui che detiene la Conoscenza, che intende perfettamente come parla la Vita. Da quell’esperienza nasce la mia trasformazione. Quell’anno 2000 segna il mio Vesak, è questo il nome dato dalla dottrina buddista al compleanno di Budda. Viene celebrato ogni anno nel plenilunio di maggio, casualmente anche il mio mese di nascita. È in quell’anno che inizia la mia attività scrittoria pubblica, mi propongono di curare una rubrica sul benessere per una rivista locale: ‘La Bolina’. Sono imprenditrice di me stessa, ma tendo ad un altro tipo di creazione, diventare madre è l’anelito che mi spinge a lasciare questa impresa; il momento arriverà qualche anno più tardi. Nel frattempo rischio e ricomincio. Seguo stage e aggiornamenti e non tralascio l’attività politica. Sono propositiva, credo nella globalizzazione ed è qui che riesco a ‘portare a casa’ qualche risultato cimentandomi nella collaborazione diplomatica, per così dire, che favorisce il gemellaggio tra comuni di diversi stati. Parlo tre lingue e scrivo, scrivo, scrivo. La scrittura mi catapulta in un mondo nuovo fatto di comunicazione. Il mio primo romanzo autobiografico “ Le Rivelazioni della Stella Bianca” è dedicato a mia figlia. Bianca: il sogno realizzato. È per merito di questo libro che approdo in radio; una emittente storica, la più importante della regione Calabria, mi offre un appuntamento fisso. Sono ospite tutti i lunedì, nel programma Blaterando, ideato e condotto da Anna Maria Esposito responsabile della testata giornalistica. Una scuola di voce, di toni e di parole scelte con cura. Contenuti lavorati e rielaborati per essere trasmessi con spontaneità nuova. Il pubblico non lo vedo, ma lo percepisco vivace e attento. Mi galvanizza l’incontro ‘in onda’ e sono fiera di far parte in certo modo di uno staff radio. L’emozione prende forma da una canzone che dà il ‘LA’ e … ‘SI FA’ il programma. Risuona armonia fuori da me e riporta nuova linfa in me, quella che poi a casa utilizzo per scrivere ancora. Il secondo e il terzo libro si sono creati magicamente e quasi contemporaneamente. La fase del riscaldamento motori è iniziata; è il tuffo nella mia vita ciò che ora mi interessa!