“Moringa oleifera, ‘L’albero dei miracoli’” ǀ Intervista ad Alan Boswell ǀ di Maria Teresa De Donato

0
224
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

 

Originaria del subcontinente indiano, la Moringa oleifera è un albero della famiglia delle Moringaceae, a crescita rapida e resistente alla siccità, che si trova nelle zone equatoriali e tropicali del nostro Pianeta.

Oggi parlerò delle caratteristiche e dei benefici di questo albero con il mio collega Alan Boswell, un nativo inglese che vive in Thailandia da un po’ di tempo.

 

MTDD: Ciao Alan, e benvenuto nel mio Blog e Salotto Culturale Virtuale. Grazie per avermi contattata e per aver dedicato del tempo a questa intervista.

AB: Sei la benvenuta Maria Teresa e grazie per esserti interessata all’albero dei miracoli.

 

MTDD: Alan, perché non inizi presentandoti ai nostri lettori e condividendo tutte le informazioni che desideri?

AB: Sono nato a East London nel 1950 e sono finito a Ipswich. Svolgo la mia attività dal 1976 e mi sono ritirato in Thailandia nel 2018. I miei studi li ho compiuti all’Università della Vita. Tuttavia, mi sono preso un anno di pausa per un addestramento come counsellor ed un altro per studiare psicologia all’OU. Ho scritto e pubblicato un romanzo di fantascienza. Quasi fin dalla mia adolescenza, ho avuto un fascino per ciò che ci motiva.

 

MTDD: Quando e perché ti sei interessato agli alimenti, alla nutrizione e alle questioni e ai prodotti legati alla salute?

AB: Negli anni Cinquanta mia madre faceva la spesa ogni giorno e ogni giorno mangiavamo adeguatamente. Non c’erano alimenti trasformati e il cibo si ammuffiva abbastanza velocemente. Sono rimasto fedele alla cucina casalinga per tutta la vita, se non alla spesa quotidiana. Nel corso degli anni, ho notato sempre più piatti pronti per essere cucinati e che alcuni erano lenti a ammuffire. Ho pensato che se i batteri non possono vivere su di esso non lo possiamo neanche noi.

In anni più recenti ho perso diversi amici per cancro, il più giovane sulla quarantina. Non mangiava altro che fast food. Non ho fatto esattamente uno studio scientifico, ma la cosa mi ha fatto pensare. Il tasso di cancro è aumentato con l’aumento degli alimenti trasformati.

Nel 1940 a 1 su 16 era stato diagnosticato un qualche tipo di cancro.

Nel 1970 era di 1 su 10

Oggi la percentuale si avvicina all’1 su 3.

Abbiamo un numero quattro volte maggiore del cancro e della mortalità cardiaca rispetto ai paesi poveri.

A un paziente viene diagnosticato un cancro in media ogni 90 secondi, secondo uno studio di Macmillan Cancer Support. Gli attuali 2,9 milioni saliranno a quasi 3,5 milioni entro il 2025, secondo le stime, con i servizi sanitari già alle prese con la cronica carenza di personale.

Fonte The Mirror

Le grandi aziende alimentari sono interessate solo al profitto per gli azionisti, non alla nostra salute. Se possono sostituire qualcosa con qualcosa di più economico, lo faranno. Quindi aromi artificiali, coloranti, conservanti, stabilizzanti e altro ancora. Le sostanze chimiche danneggiano la crescita di nuove cellule, che possono mutare in cancro. In effetti, anche le vitamine chimiche sono note per danneggiare il fegato.

“3 su dieci insufficienze epatiche non patologiche sono dovute a integratori vitaminici chimici”, ha detto alla radio il dottor Jeffrey Weinstein, che è il direttore medico del trapianto di fegato presso l’ospedale: “Molti di questi sono pubblicizzati come naturali e salutari. Li vedo tutti come droghe e sostanze chimiche, quindi ci dovrebbe essere una buona cautela nel modo in cui li usi e perché li usi”. Il medico ha anche affermato che tra i tre e i quattro casi su dieci di insufficienza epatica acuta – in cui l’organo fallisce senza malattia epatica – sono legati agli integratori
Fonte The Sun

I prodotti chimici sono in ogni cosa.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         MTDD: Cos’è della Moringa oleifera che ha attirato la tua attenzione e perché te ne sei interessato così tanto?

AB: Dopo essermi trasferito in Thailandia, nella “giungla”, che tanto giungla non lo è più ma è diventata campi coltivati, ho notato che le persone facevano la spesa ogni giorno, prodotti freschi e locali. Come noi negli anni Cinquanta. Il mio piano qui era quello di costruire una fattoria acquaponica. Durante la ricerca, qualcuno ha detto che integra il suo pesce con foglie di Moringa a causa del suo alto contenuto proteico. Pertanto, l’ho ricercato e sono rimasto sbalordito. È la pianta più nutriente della Terra. 92 nutrienti e 46 antiossidanti, il 40% di proteine, che è più dell’uovo e contiene tutti e nove gli amminoacidi di cui abbiamo bisogno.

 

MTDD: Puoi parlarci un po’ della tua fattoria in Thailandia? E se coltivi personalmente la Moringa, puoi guidarci attraverso l’intero processo dalla sua semina alla produzione di questo rimedio a base di erbe?

AB: Sono rimasto ancora più sbalordito quando mia moglie ha detto: “Oh sì, lo coltiviamo in fattoria” come se non fosse niente. Certo, qui è una ben nota erba thailandese e utilizzata da oltre mille anni. Tuttavia, mi chiedevo perché non ne abbiamo mai sentito parlare. Si scopre che gli scienziati hanno iniziato ad analizzarlo solo di recente e non crescerà in Europa. Mi ha reso consapevole dell’impatto sulla salute delle diverse diete. La Moringa è fondamentalmente un albero di conifere a crescita rapida, cresce spontaneamente qui come la buddleia nel Regno Unito. Produce molti semi che sono molto facili da coltivare e se tagli i gambi verdi e li spingi nel terreno, metteranno radici. Questo albero produce tuberi radicali che lo aiutano a sopravvivere alla siccità e alle difficoltà. Agli insetti non piace e quindi la rende una soluzione economica e affidabile alla cattiva alimentazione in Europa. Tuttavia, la maggior parte non crede. “Se fosse così buona, ne avremmo sentito parlare”. (Sappiamo tutto in occidente)

L’azienda agricola di famiglia alleva ventimila polli alla volta, bufali e ha riso e zucchero. È come tornare indietro nel tempo, il che mi va bene, un ritmo di vita lento. Potremmo imparare molto qui.

 

MTDD: Ci sono molte piante e rimedi erboristici disponibili che hanno tutti i tipi di proprietà e possono essere benefici per la nostra salute.

Quali sono le principali proprietà della Moringa e in che modo le persone possono trarre vantaggio dal suo utilizzo?

AB: La Moringa non è una medicina. Le persone in Occidente hanno subito il lavaggio del cervello da parte di grandi aziende farmaceutiche che i farmaci chimici possono trattare qualsiasi problema. (Di solito causano altri problemi.) Tuttavia, non appena una persona ha un disturbo, cerca un rimedio per affrontarlo.

L’antica tradizione indiana della medicina ayurvedica utilizza la Moringa, ma il processo tratta il corpo NON la malattia. I nostri corpi si sono evoluti insieme alla maggior parte delle malattie e possono combatterle fintanto che hanno il carburante per farlo. La Moringa da sola ha la maggior parte di ciò di cui abbiamo bisogno. Mentre alcune piante possono contenere un tasso più elevato di un nutriente, niente si avvicina alle nostre esigenze generali più di quanto non lo faccia la Moringa. Il suo consumo regolare manterrà il tuo corpo in perfetta forma, il che è più naturale che aspettare che si presenti un problema per poi prenderlo di mira.

Detto questo, la Moringa è un potente antinfiammatorio e ci sono molti che sostengono che sia in grado di alleviare il dolore da artrite reumatoide. (Sollievo dall’artrite di un uomo. https://youtu.be/DJTDqdpRAqw)

 

È un leggero lassativo che aiuta a disintossicare e cura le emorroidi. Riduce alcuni dei sintomi del diabete ed è ricco di minerali di calcio che aiutano la salute delle ossa. Fondamentalmente è la maggior parte di ciò di cui il nostro corpo ha bisogno.

MTDD: Quando si tratta di rimedi erboristici, si consiglia vivamente di stare attenti. In natura, infatti, tutto ciò che è utile e benefico per molti individui può anche avere effetti collaterali e/o addirittura compromettere la salute di qualcun altro. Il risultato dipende da diversi fattori, come la qualità e la/il quantità/dosaggio del prodotto/rimedio utilizzato, nonché la risposta specifica dell’individuo ad esso, che è qualcosa che nessuno può prevedere.

A tal proposito, cosa consiglieresti ad un tuo potenziale cliente?

AB: Non ci sono stati effetti avversi noti da Moringa, non c’è il rischio di eccedere nella dose, anche se, nel caso ciò avvenisse, causerà diarrea.  Di fatto rimane solo un vegetale in quanto al suo contenuto. Dopotutto viene utilizzato da mille anni in Asia. Suggerirei solo di provarlo e vedere, regolando il quantitativo in modo tale da trovare il dosaggio giusto per noi.

 

MTDD: Produci solo un prodotto con Moringa oleifera o diversi tipi come tisane e oli essenziali, solo per citarne alcuni?

AB: Ho iniziato con le foglie essiccate in capsule perché sono le più convenienti per lo stile di vita veloce di oggi. Tuttavia, voglio aggiungere quanto prima foglie sciolte per il tè e da usare per cucinare. L’olio è più difficile da estrarre. Ho una società che incapsula la Moringa nel Regno Unito e potrei sottolineare che non permetto ALCUN additivo chimico. La maggior parte delle capsule sul mercato contiene agenti antiagglomeranti, silicato di alluminio, bentonite, silicato di magnesio e acido sterico. Alcuni conservanti, acido ascorbico, benzoato di sodio, parabeni e nitrati. Leganti, gelatina, cellulosa, amido alimentare modificato e polietilene sono solo alcuni dei leganti utilizzati. I nostri sono vegetariani, vegani e naturali.

 

MTDD: Ci sono altri aspetti che vorresti considerare, prima di concludere la nostra discussione, e di cui i nostri lettori potrebbero beneficiare?

AB: Solo di stare attenti a ciò che mangiamo. Gli scaffali dei supermercati sono pieni di salse da cucina e cibi pronti da cuocere. Questi sono tutti pieni di sostanze chimiche e i produttori fanno del loro meglio per nascondere questi contenuti.

 

MTTD: Grazie, Alan, per aver partecipato alla nostra intervista e per tutte le informazioni utili che hai fornito su questo fantastico albero.

Come possono i nostri lettori mettersi in contatto con te e/o ordinare i tuoi prodotti se lo desiderano?

AB: Chiunque può contattarmi per un consiglio su alan@siamsolutions.store o provare la nostra Moringa su https://www.siamsolutions.store/order, a £ 2,70 a settimana è un modo poco costoso per mantenersi in salute.

 

IMPORTANTE! Il materiale di cui sopra ha solo scopo educativo e non è inteso come consiglio medico. Qualunque sia la vostra condizione, consultate prima il vostro medico.