Proietti | di Mattia Mincuzzi

0
210
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Gigi ma che me combini, e qui er momento è grave. (19, eccone n’altro che nun se fa li cazzi sua)

Capisco che dar mulo avrai capito che era ora, ma così se fa’?

Proprio quanno c’avemo certi cazzi, che manco chi è pratica li ha visti mai, il Conte Duval se ne va così, in punta de piedi, senza soriso maggico.

E mo chi je lo dice a tutta Roma che quel telefono nun squillerà più, che, alla fine, pure er cavaliere nero s’è rotto er cazzo.

No, dico, e no che mon amour sia un somaro, ma mo chi je le racconta più le favole ai regazzini e nun vojo pensa’ a chi je spiegherà com’è fatto il lonfo poi!

Pe’ nun parla’ de quelle strane lingue, napoletano e barese, che a me ignote erano e a me ignote resteranno.

È colpa del trombone in prima fila? Guarda che ce penso io eh.

Sto fattaccio nun ce voleva proprio su, co’ tutti sti problemi, l’iva, l’uva, l’ova..tanto l’occhi a te ce stavano comunque pure senza ‘sto casino.

E dai su, please, mo diccelo che era ‘na mandrakata perché nun avevi giocato il cavallo vincente e dovevi spari’, pagamo noi, tranquillo, tanto stamo in debito co’ te: c’hai fatto sempre ride, pe’ na volta ce potemo sta che ce fai piange.

Che poi, alla fine, io nun so che ditte, e anche che te lo dicessi, che te lo dico a fa’.

(E comunque, anche se mo te immagino a di ‘e nun me rompete er ca’, era “whisky maschio senza rischio”)

di Mattia Mincuzzi